Sono passati diversi mesi dal ritrovamento del corpo di Elena Ceste eppure in queste ore si continua a parlare del caso della donna di Costigliole d'Asti, il cui presunto assassino è considerato suo marito Michele Buoninconti, che attualmente si trova in carcere con la terribile accusa di aver ucciso la madre dei suoi figli.

Le ultime news sul delitto di Elena Ceste arrivano dalla puntata di questa settimana di Chi l'ha visto, dove sono state trasmesse le intercettazioni tra l'uomo e i suoi figli pochi giorni dopo la sparizione nel nulla della donna.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Cronaca Nera

Michele si difendeva dicendo che gli inquirenti avevano dei sospetti su di lui: accuse che l'uomo gettava al mittente, sostenendo davanti ai suoi bambini di non aver potuto fare del male alla sua Elena.

Elena Ceste news: chi ha ucciso la donna? Michele è colpevole?

Ma le ultime news di queste ore sul terribile caso di Elena Ceste ci riportano anche alle notizie riportate nei giorni scorsi sul quotidiano "Nuova provincia", il quale ha raccolto le dichiarazioni di uno dei colleghi di Michele Buoninconti, che la sera del 24 gennaio 2014, quando Elena sparì nel nulla, aiutò l'uomo nelle ricerche della donna. Il collega del marito di Elena ha dichiarato che in quell'occasione Michele fece di tutto per depistare le ricerche e le indagini sul caso: Buoninconti avrebbe dato ai suoi colleghi delle direttive ben precise, chiedendo loro di non controllare la zona che si trovava nei pressi della Ferrovia, quella in cui si trovava il lago Rio Merse dove poi vennero ritrovati i resti della donna, ma di concentrare le ricerche altrove. Anche nei giorni seguenti la scomparsa, pare che l'uomo avrebbe dato "ordine" di non cercare la moglie in quella zona: possibile che nessuno si sia insospettito di questa insistenza di Michele e abbia deciso di andare a controllare lo stesso la zona che si trova nei pressi di quel canale di scolo? Ad alimentare i dubbi su Michele anche il fatto che l'uomo in quei giorni decise di allontanare dalla sua abitazione il cane di famiglia: si trattava di un cane addestrato che avrebbe potuto ritrovare facilmente il corpo di Elena.