Emergono nuovi dettagli sull'agguato mortale nel quale sono caduti Trifone Ragone e Teresa Costanza nel parcheggio della palestra frequentata assiduamente dal bel soldato a Pordenone. Trifone era un bodybuilder conosciuto in zona. Per il giudice Marco Martani chi ha sparato sapeva davvero il fatto suo. L'arma del delitto era infatti "datata" e avrebbe potuto andare in tilt al momento dell'uso. Se si fosse inceppata, scrive Il Gazzettino, sarebbe stato arduo per l'assassino limitare la reazione di un giovane superallenato come Trifone.



Tutto questo lascia sospettare che lo sparatore (non sappiamo se si tratta di un uomo o una donna) potrebbe aver collaudato l'arma poco prima dell'agguato, sparando un colpo in un'altra zona, che potrebbe essere stato udito, per poi portarsi rapidamente sulla scena del crimine.

Ricordiamo che la pistola non è stata trovata.

Un'azione ben studiata

Resta sorprendente, al 25 luglio 2015, vedere che nessuno ha sentito o notato nulla di significativo vista la spericolatezza di un'azione criminosa rapida quanto efficace, ma posta in essere in un'area molto frequentata e dunque esposta a scomodi testimoni. Il dubbio che qualcuno possa aver notato qualcosa di strano e deciso di restare nell'ombra resta, ma non ci sono prove.



Sul doppio delitto consumato a Pordenone
si sono fatte tante ipotesi, alcune fantasiose, legate alla nota passione per i locali notturni della giovane coppia o ai presunti tradimenti coniugali di qualche signora in cerca di emozioni forti con Trifone.

Non si riesce a individuare il movente

Analizzando con calma la vita dei sue non è però emerso nulla di anomalo, almeno per il momento, al punto che si è perfino ipotizzato un clamorosa scambio di persona.

I migliori video del giorno

C'è chi pensa che l'obbiettivo reale fosse un culturista molto simile a Trifone. Teresa sarebbe stata uccisa solo perché sedeva al suo fianco ed era una testimone dell'agguato e, probabilmente, avrebbe potuto riconoscere lo sparatore. C'è però da ricordare che nel corso di una telefonata Trifone si era lamentato col padre a causa di qualcosa che lo preoccupava molto. Di cosa si trattasse, è rimasta una domanda senza risposta.