Sgomberata l’area dell’impianto sportivo “Pian del lago 2”, per occupazione abusiva, nelle vicinanze del centro d’accoglienza per immigrati di Caltanissetta. L’attività è stata portata a termine da carabinieri, polizia di Stato e polizia municipale, sulla base di quanto concordato durante un incontro tenutosi in prefettura. Le operazioni sono state avviate nella prima mattinata, intorno alle 9 circa, proseguendo per quasi due ore, anche in zone limitrofe, in particolare lungo la Strada provinciale numero 5.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Politica

Rimossi anche cumuli di rifiuti: si è reso necessario, infatti, l’intervento degli operai di Caltambiente, la società che si occupa della raccolta.

In passato situazioni analoghe nella stessa zona

Identificati, contestualmente, circa trenta immigrati, poi accompagnati negli uffici competenti, dove sono state effettuate le procedure di foto-segnalazione.

Provenienti da diversi Paesi, è stato accertato che tutti i protagonisti di questa vicenda sono richiedenti lo "status di rifugiato", attraverso la domanda di “protezione internazionale”. Non è la prima volta che si procede allo sgombero dell’area di “Pian del lago 2”, proprio dinanzi allo stadio “Marco Tomaselli” e a un tiro di schioppo dal centro che ospita un massiccio numero d’immigrati. Pure in precedenza, in gran numero avevano occupato l’impianto sportivo - un tempo considerato una sorta di fiore all’occhiello della zona - piazzando anche tende e altro. Proprio una tendopoli era stata rimossa a poche decine di metri dal centro d’accoglienza. A distanza di tempo, il problema si è presentato nuovamente.

Ora si chiedono soluzioni efficaci

Da più parti si chiedono, adesso, sistemazioni diverse e soluzioni efficaci per coloro che si ritrovano in tali condizioni, peraltro in attesa di vedersi riconosciuto uno “status”, quello di rifugiato, attraverso le procedure previste.

I migliori video del giorno

Il riconoscimento può essere richiesto da coloro che, nel Paese di provenienza, hanno subìto persecuzioni dirette e personali per motivi diversi o hanno fondato timore di subirle nel caso di un ritorno.