Foglio di via per una ventenne di origine rumena, abitante nell'Agrigentino, incappata più volte nei controlli antiprostituzione della polizia a Caltanissetta, in via Rochester. Nel giugno scorso, la protagonista della vicenda era stata segnalata all'Autorità giudiziaria per atti contrari alla pubblica decenza: più precisamente era stata sorpresa in abiti provocanti nel tentativo di adescare clienti. Poi era finita nei guai anche per false attestazioni rese a pubblico ufficiale: aveva detto ai poliziotti di essere residente a Caltanissetta, dichiarazione che non trovava riscontro. Il questore Bruno Megale ha emesso un provvedimento di rimpatrio, con il cosiddetto Foglio di via obbligatorio: la giovane non potrà fare ritorno da queste parti per almeno tre anni, senza una giustificazione, sussistendo ragioni valide per ritenere che la sua presenza a Caltanissetta possa essere strettamente legata ad atti non leciti.

Nel caso in cui non osservasse il provvedimento, la denuncia scatterebbe immediatamente.

Fenomeno in espansione

Sono frequenti i controlli della polizia in via Rochester, dove da tempo si registra una notevole presenza di prostitute nelle ore serali. Un fenomeno "esploso" negli ultimi tempi: fino agli anni ’90 e ai primi del Duemila era sconosciuto sulle strade del capoluogo nisseno. Casi di prostituzione venivano segnalati solamente in zone degradate del centro storico. Più recentemente, invece, si è assistito a un sempre crescente numero di “lucciole” sulla strada più transitata della zona Sud della città di Caltanissetta.

Altri provvedimenti in arrivo?

Dai controlli delle forze dell’ordine, sono emerse diverse provenienze: non solo dall’Est europeo anche dall’Africa.

I migliori video del giorno

E spesso si tratta di donne giunte in Sicilia con la promessa di un lavoro, dopo lunghi viaggi della speranza. I controlli antiprostituzione proseguiranno anche nei prossimi giorni, non solo nella zona considerata più a rischio, e non si escludono altri provvedimenti dello stesso genere per quante verranno sorprese in atteggiamenti e abbigliamenti inequivocabili.