Nella notte fra mercoledì e giovedì, a San Cataldo, a pochi chilometri da Caltanissetta, nel cuore della Sicilia, i carabinieri hanno fermato un uomo risultato latitante da circa due anni. In manette è finito Bogdan Vinogruschi, 29 anni, cittadino rumeno con diversi precedenti penali. Su Vinogruschi gravava un mandato d'arresto internazionale. Era ricercato dal novembre del 2013. In quel periodo, avrebbe accoltellato due connazionali, a quanto pare per motivi banali. Entrambi sarebbero stati ridotti in fin di vita. L'episodio sarebbe avvenuto nella terra d'origine, in Romania. Ora Vinogruschi è chiamato a scontare la condanna, già inflitta in Romania, che è di dieci anni di reclusione.

Gli appostamenti dei carabinieri

L'uomo è stato individuato e bloccato dopo lunghe e laboriose indagini, nonché appostamenti e accertamenti effettuati costantemente dai militari guidati dal luogotenente Salvatore Manuello. È l'ennesimo arresto nel Nisseno. In questa vicenda restano da chiarire, però, almeno due interrogativi. Perchè Vinogruschi si trovava proprio a San Cataldo, nell'entroterra siciliano? Inoltre, è stato aiutato da qualcuno a raggiungere il centro nisseno e, soprattutto, a trovare un luogo nel quale trovare sistemazione e nascondersi? Bogdan Vinogruschi potrebbe aver contato sul sostegno di uno o più connazionali per il suo arrivo in Sicilia e, successivamente, per tutto il periodo della permanenza. Non si esclude la collaborazione di uno o più cittadini italiani.

I migliori video del giorno

La comunità rumena a San Cataldo

A San Cataldo, che conta poco più di 23 mila abitanti, è massiccio il numero di residenti provenienti dalla Romania. Dagli ultimi dati sono duecentocinquantacinque, riferiti al 2013, il 39,6 per cento maschi. È la presenza più imponente fra i cittadini non italiani. A seguire centoquindici marocchini, ventuno cinesi, tredici polacchi, dieci tunisini, sette venezuelani, sette albanesi, sette nigeriani e appartenenti ad altre nazionalità. Complessivamente gli immigrati nel territorio comunale sono 475, mentre nel 2005 erano appena 152.