L’Istituto di Investigazione Spaziale dell’Accademia delle Scienze Russa pubblica, 30 anni dopo, delle immagini del pianeta Venere, scattate dalla sonda sovietica Venera, dove si ipotizza la presenza di esseri viventi. Certamente, è una di quelle notizie che non si leggono e non si sentono tutti i giorni, e che sicuramente, come sempre in questi casi, divideranno l’opinione pubblica. Il dottore di scienza fisica e matematica dell’Istituto di Investigazione Spaziale, Leonid Ksanfomaliti, ha spiegato che le immagini scattate 30 anni fa dalla sonda spaziale russa, mostrerebbero (è obbligatorio in questo caso il condizionale) l’esistenza di strani oggetti in movimento che sembrerebbero esseri viventi, ha riportato il periodico “MK”.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale UFO

Gli oggetti furono accidentalmente fotografati dalla sonda Venera nel suo viaggio tra il 1975 e il 1982.

La misteriosa immagine

Ksanfomaliti, punta l’attenzione su una foto in particolare del 1982, affermando di aver scoperto vari oggetti che compaiono e scompaiono in una serie consecutive di immagini, dove si vedrebbero “un disco e uno scorpione”.

Il disco  "ha una forma regolare, appare rotondo, con un diametro di circa 30 cm e assomiglia a una grande conchiglia”. Alcuni di questi oggetti sarebbero presenti nel primo scatto per poi scomparire posteriormente. Secondo lo scienziato, questo sarebbe dovuto alle forti interferenze prodotte dalla sonda in fase di atterraggio. Inoltre, crede che alcuni di questi esseri, come quello che lui definisce uno scorpione, potrebbero essersi nascosti sotto terra.

C’è vita su Venere?

Lo scienziato ha spiegato che era sua volontà rendere pubblica la scoperta molto prima, però dovette posticiparla per mancanza di “appoggio”. Inoltre, afferma di essere convinto che su Venere ci siano forme di vita e di voler continuare con le sue indagini. Da sottolineare che le considerazioni, risalgono al 2012, ma sono state rilanciate dal periodico MK, in un'intervista di qualche giorno fa.  Non solo il Pianeta Rosso quindi, il più “promettente” del Sistema Solare, a fare da protagonista; a regalarci sorprese sarebbe anche Venere.

I migliori video del giorno

Per il momento, comunque, niente di “ufficiale” e definitivo. A voi le considerazioni finali.