Sono passati quasi vent'anni da quel disperato dieci agosto 1996, ma i genitori di Angela Celentano non hanno mai perso la speranza. La bambina scomparve nel nulla durante una gita sul Monte Faito, altura verdeggiante situata nel comune di Castellammare di Stabia, in Campania. Oltre agli investigatori, che non hanno mai chiuso definitivamente il caso, in tutti questi anni se ne è occupato in modo costante il programma dedicato alle persone scomparse: Chi l'ha visto?, programma quasi trentennale in onda su Raitre, da diversi anni di mercoledì. Ora per i genitori arriva una notizia confortante, che riaccende quel lumino della speranza mai spentosi del tutto in questi anni.

Vediamo di cosa si tratta.

Riaperta la pista messicana

Il Ministro della Giustizia Orlando ha spiegato di aver avuto recentissimi contatti con la Procuraduría General de la República del Messico, per riaprire il caso di Celeste Ruiz, la giovane donna che nel 2010 avrebbe intrattenuto uno scambio di mail con la famiglia Celentano sostenendo di essere Angela. Il Ministro parla anche di priorità per il caso, alla luce del fatto che sia molto inquietante e perché è giusto dare delle risposte a una famiglia italiana che vive nel tormento da troppi anni. pertanto, quella pista non va liquidata con troppa facilità. Certo, bisogna anche andarci coi piedi di piombo e stare sempre attenti a burloni e sciacalli che non si fermano neanche dinanzi al dolore straziante di genitori.

I migliori video del giorno

Quella mail dal Messico

La pista messicana è stata avviata nel maggio di cinque anni fa, quando la sorella di Angela, Rossana, ha ricevuto una mail da una certa Celeste Ruiz, la quale gli scriveva di essere Angela, di trovarsi in Messico, di essere felice e che non dovevano cercarla più. Di qui le prime indagini, con gli inquirenti che erano pure riusciti a risalire al pc da cui le mail sono state inviate. Il dispositivo appartiene a un certo Cristino Ruiz Guzman, magistrato di Acapulco. Giunti in Messico, hanno poi scoperto che a scrivere quelle mail era stato un certo José Manuel Vasquez, figliastro di Ruiz, il quale avrebbe poi sostenuto di aver inventato ogni cosa, ritrattando in seguito. Ma dal prossimo gennaio quella pista messicana sarà di nuovo perseguita. Che Angela fosse davvero Celeste e vive in Messico? Vi terremo aggiornati su eventuali novità su questo caso ormai ventennale.