E' alto il rischio di disordini a Chicago da parte dei cittadini afroamericani nei confronti delle forze dell'ordine. Questo perché, dopo oltre un anno, è spuntato un video shock dove si vede che un agente spara ben 16 colpi contro un afroamericano uccidendolo a Chicago. I fatti risalgono al mese di ottobre del 2014, ma solo dopo tredici mesi è stato possibile prendere visione del video che è stato messo a disposizione, da parte delle autorità, solo dopo che è arrivata un'ingiunzione da parte del tribunale. Il video shock incastra così l'agente che rischia una pena dai 20 anni e fino all'ergastolo in quanto senza giustificazione il poliziotto ha sparato sedici colpi di pistola uccidendo il 17-enne Laquan McDonald che, pur avendo in quel momento un coltello in mano, non rappresentava una minaccia tale da dover aprire il fuoco.

Ad aprire il fuoco più di un anno fa fu l'agente Jason Van Dyke che, dopo aver sparato a bruciapelo, continuò a far fuoco nonostante oramai il 17-enne fosse stramazzato a terra privo di vita. Le immagini del video sono scioccanti anche se l'assenza di audio non fa capire se i poliziotti e Laquan McDonald si siano detti qualcosa. Quel che si vede è un ragazzo che in strada, al centro della carreggiata, cammina con un coltello in mano iniziando a spostarsi, allontanandosi, nel momento in cui arrivano le auto della polizia. Di conseguenza l'accusa per Jason Van Dyke, che già da diversi mesi è stato sospeso dal servizio, è quella di omicidio premeditato con il serio rischio di dover trascorrere in prigione il resto della sua vita. Ed a fronte dell'indignazione della comunità afroamericana, in accordo con quanto riportato da Repubblica.it, la città di Chicago ha già offerto ai familiari del 17-enne 5 milioni di dollari a titolo di risarcimento.

I migliori video del giorno

Intanto, aspettando l'esito ed il verdetto del processo Rahm Emanuel, Sindaco di Chicago, ha invitato la popolazione alla calma e, in caso di proteste, di fare in modo che queste possano svolgersi pacificamente.