A Mussomeli, nel Vallone del Nisseno, i Carabinieri della stazione di Acquaviva Platani hanno fermato un trentenne originario di Catania, per detenzione ai fini di spaccio di droga. L’operazione, che è maturata dopo un’attenta e scrupolosa attività informativa, è stata portata a termine nella serata di ieri, in piazza Roma, una zona centrale della città capitolina. Qui, i militari hanno sottoposto a un controllo un trentenne che in quel momento stava percorrendo la strada in bicicletta. L’atteggiamento sospetto del protagonista della vicenda non è passato affatto inosservato. All’interno del suo zainetto, i militari hanno così trovato trenta grammi di droga, del tipo marijuana, e un bilancino di precisione.

Perquisita anche l’abitazione dell’uomo

Poco dopo è stata effettuata anche una perquisizione nell’abitazione dell’uomo e sono stati trovati circa 100 grammi della stessa sostanza, una pianta di cannabis e diversi semi, che sono stati posti immediatamente sotto sequestro. Su disposizione dell’Autorità giudiziaria, il trentenne è stato sottoposto al regime degli arresti domiciliari in attesa del rito direttissimo che si terrà nei prossimi giorni a Caltanissetta.

I controlli serrati delle Forze dell’Ordine

E' certamente preoccupante in tutta la provincia nissena il fenomeno della diffusione e dello spaccio di sostanze stupefacenti. Nelle scorse settimane diversi sono stati gli arresti nel capoluogo, effettuati da Carabinieri e Polizia, soprattutto nel centro storico cittadino.

I migliori video del giorno

A finire nei guai giovani e meno giovani, anche immigrati, sorpresi in possesso di droga e, spesso, anche di denaro di dubbia provenienza, quasi sempre probabile provento di attività illecite. Serrati i controlli delle Forze dell’Ordine non solo nelle zone del centro storico ma anche nelle aree periferiche ritenute più o meno a rischio e a tutte le ore del giorno. Sorpresi pure diversi giovanissimi, non ancora maggiorenni, soprattutto al capolinea degli autobus extraurbani, in attesa dei mezzi utilizzati in prevalenza dagli studenti pendolari.