A Caltanissetta un quarantenne è finito nei guai con una pesante denuncia per minacce aggravate e ingiurie nei confronti della sorella. L'episodio risale al pomeriggio di ieri. La Polizia è intervenuta dopo una segnalazione telefonica giunta in Questura dal villaggio Santa Barbara, per una lite in famiglia all'interno di un'abitazione. Nella chiamata si faceva riferimento più precisamente a minacce con un'ascia. Arrivati rapidamente sul posto gli agenti hanno identificato una donna, la stessa che aveva chiamato le forze dell'ordine. La lite era stata sedata poco prima dell'arrivo degli agenti, con l'intervento di altri parenti.

La giustificazione: 'Per incutere timore'

La donna ha dichiarato di essere stata minacciata dal fratello con un'ascia, a causa di un diverbio.

Non è stato specificato il motivo dell’accesa discussione, ma a quanto pare tutto sarebbe scaturito da futilità, seppure non ancora chiare. Forse vecchie ruggini, attriti riemersi improvvisamente, ma nulla di particolarmente importante. Raccolta tale versione, i poliziotti hanno rintracciato il fratello che nel frattempo aveva raggiunto il proprio appartamento nello stesso stabile. L'uomo avrebbe confermato la lite, dicendo di aver brandito un'ascia alla presenza della sorella e del nipote solo per incutere timore, per spaventarli, nulla di più. La giustificazione non gli ha evitato la segnalazione all'Autorità giudiziaria. L'ascia è stata posta sotto sequestro.

Il precedente intervento della Polizia

In passato altre liti e risse hanno turbato la serenità del villaggio, frazione di Caltanissetta, territorio conosciuto anche per la presenza delle maccalube, note come "vulcanelli".Già nello scorso mese di ottobre la Polizia e i Carabinieri erano intervenuti nel Villaggio Santa Barbara per una violenta rissa, con cinque denunciati, tre dei quali appartenenti a uno stesso nucleo familiare, padre, madre e figlio.

I migliori video del giorno

Anche in quel caso ci sarebbero stati futili motivi alla base dell'accaduto. In quattro avevano fatto ricorso alle cure dei medici del Pronto soccorso dell'ospedale Sant'Elia.