Le festività natalizie si avvicinano e, di conseguenza, cresce l'allarme per possibili attentanti anche in Italia. Del resto, al significato religioso insito in esse, occorre aggiungere anche la corrispondente celebrazione del Giubileo, che nonostante sia stato già avviato da Papa Francesco in Africa, ha comunque in programma diversi eventi religiosi molto importanti per attrarre milioni di pellegrini e turisti da tutto il mondo (ne sono previsti sei milioni). Eventi che si terranno non solo a Roma, ma anche in altre città italiane. Poi ci sono altri eventi, non religiosi, come il televisivo Capodanno di Courmayeur e il Carnevale di Venezia.

I quali pure preoccupano non poco. D'altronde, la strage al Bataclan dimostra come i terroristi puntino a colpire anche eventi ludici e spensierati.

Proprio per Capodanno, forze di polizia e servizi segreti sostengono che sia in programma un attentato in Italia. Alcuni foreign fighters sarebbero stati fatti rientrare in Europa da Grecia e Italia. Si tratterebbe di attentatori che avrebbero messo nel mirino chiese e altri luoghi di culto. Da qui, l'ipotesi terrificante che i tragici fatti di Parigi dello scorso tredici novembre facciano parte di un disegno ben più grande che coinvolgerebbe più Paesi, Italia compresa. L'attentato, secondo le prime indiscrezioni, si consumerebbe tramite un aereo. Due sono le città italiane che stanno già controllando il proprio traffico aereo, vediamo i particolari.

I migliori video del giorno

Allertate Roma e Ancona

Secondo l'intelligence, l'attentato potrebbe essere commesso mediante il dirottamento di un aereo commerciale che dovrebbe colpire un obiettivo al momento non identificato. In questi giorni già si è messo in allerta lo scalo di Fiumicino, uno dei due aeroporti internazionali di Roma. Ma si teme anche per Loreto, città coinvolta nelle celebrazioni religiose in vista del Giubileo. Stando a una nota della Prefettura di Ancona, il Comitato per l’ordine e la sicurezza della provincia di Ancona chiederà all’Aeronautica militare di interdire il traffico aereo su Loreto fino ad un’altezza di 2.500 piedi. Inoltre, nella città marchigiana sarebbero in arrivo i primi venticinque militari.