Probabilmente si avvarrà della facoltà di non rispondere Giosuè Ruotolo, il militare indagato per il delitto di Teresa e Trifone, meglio conosciuti come i fidanzati di Pordenone. Sebbene l'arma del delitto sia stata ritrovata a metà settembre 2015, gli inquirenti non demordono e sembrano voler trovare la metaforica pistola fumante, ossia la prova regina che possa far luce sull'atroce duplice omicidio. A dicembre è stato fermato Giosuè e poco dopo anche la fidanzata Rosaria. Punto oscuro della vicenda è la creazione di un profilo Facebook dal quale sarebbero partiti messaggi diretti a minare la stabilità della coppia Teresa-Trifone, alludendo ad un probabile tradimento da parte di lui.

Teresa avrebbe però confidato al fidanzato di ricevere messaggi strani. I misteri si intrecciano: Teresa, al momento della morte, indossava un anello, simile a quello di sua madre, che sarebbe stato portato via dall'assassino, forse come prova del delitto o pegno d'amore.

Messaggi inviati dalla caserma

Si pensa che i  messaggi ricevuti da Teresa siano partiti da un computer della caserma De Carli di Cordenons, per cui gli inquirenti stanno interrogando anche i commilitoni di Trifone per capire se siano a conoscenza dei messaggi molesti. Questo è un dato importante perché, se anche il profilo Facebook fosse riconducibile alla medesima caserma, gli inquirenti potrebbero dire di aver trovato la pistola fumante nell'intricato delitto di Pordenone, in quanto bisognerà poi accertare se l'indagato Giosuè Ruotolo sia a conoscenza della creazione del falso profilo sul social. Il delicato compito spetta al perito informatico nominato dai pubblici ministeri Pier Umberto Vallerin e Matteo Campagnaro.

I migliori video del giorno

Si sta indagando anche su Rosaria, fidanzata di Ruotolo, per verificare se abbia avuto un ruolo determinante nell'uccisione dei due fidanzati, in quanto, proprio la sera del delitto, la ragazza avrebbe inviato  a Giosuè un messaggio sibillino, chiedendogli se avesse fatto qualcosa  senza dirglielo. Il mistero si infittisce, tra legami di coppia, influenze reciproche, messaggi oscuri. Permane solo la certezza di due giovani vite stroncate per sempre.