Veronica Panariello confessa che Loris è stato ucciso dal suocero perché erano amanti e il bambino li aveva scoperti. Ricordiamo che il piccolo Loris Stival è morto a soli otto anni, strangolato in casa, presumibilmente dalla madre, che nega la responsabilità dell'omicidio ma che ha ammesso di aver gettato il corpicino senza vita del figlio nel canalone dove è stato ritrovato. La donna è stata esaminata da diversi psichiatri e a una psicologa ha detto: “Loris lo ha ucciso mio suocero, noi eravamo amanti e mio figlio ci aveva scoperti”.

Omicidio Loris Stival, Veronica accusa il suocero: “Eravamo amanti, lui ha ucciso mio figlio”

L'ultima novità sconvolgente sull'omicidio del piccolo Loris Stival riguarda una confessione della madre Veronica.

La donna ha rivelato a una psicologa che a uccidere il piccolo è stato Andrea Stival, il suocero. Ha aggiunto che avevano una relazione e che Loris li aveva scoperti, per questo il nonno lo aveva strangolato con un cavo elettrico. Veronica Panarello ha aggiunto di essersi ricordata tutto quando ha avuto il permesso di visitare la tomba del figlio, ma non aveva detto nulla per paura che il suocero facesse del male anche all'altro suo figlio. La risposta del suocero di fronte a questa terribile accusa non si è fatta attendere. Il nonno paterno di Loris ha detto di essere tranquillo, che la sua posizione è chiara agli inquirenti e che ovviamente lui non ha avuto alcuna relazione con la nuora che sta solo farneticando e che si tratta dell'ennesima bugia. Questa dichiarazione è stata riportata dal legale della famiglia Stival, Francesco Biazzo, che ha sottolineato come il racconto di Veronica sia solo frutto della sua fantasia.

I migliori video del giorno

La Panarello è detenuta nel carcere di Catania, accusata di aver strangolato il figlio Loris. La difesa punta sulla infermità mentale, la donna, che aveva chiesto di parlare ai magistrati, non ha detto nulla di importante ma si è limitata a dire che è diventata famosa e che ormai la conoscono pure ad Hollywood. A rendere noti tutti questi particolari è stata la trasmissione di rete quattro “Quarto Grado”.