C’era una parte preziosa, quasi un simbolo del futuro dell’Italia in quell’autobus che a pochi chilometri da Barcellona si è ribaltato in un drammatico incidente, lasciando senza vita almeno sette ragazze italiane tra le 13 in totale. La Farnesina ha dato la conferma contattando le famiglie. L’unico nome certo al momento è quello di Valentina Gallo, fiorentina di 22 anni laureanda in economia, ma siamo in attesa delle notizie ufficiali con la lista completa.

Pubblicità
Pubblicità

Pochi dubbi sulla dinamica

Quale è stata la dinamica della tragedia? Come dare una risposta per giustificare la fatalità? C’è chi parla di un tratto di strada molto pericoloso, che ha visto nel tempo moltissimi incidenti mortali, ma si punta il dito anche sullo stato dei pullman impiegati per il trasporto di studenti in gita oltre alle condizioni degli autisti impiegati dalle compagnie, spesso stanchi durante i viaggi. A sentire il ministro degli Interni spagnolo ed il suo omologo catalano sembra proprio che si sia trattato di una assurda fatalità, e dietro la classica definizione ‘errore umano’ si celerebbe il classico colpo di sonno dell’autista.

Pubblicità

Tredici giovanissime studentesse in Spagna per l'Erasmus hanno quindi perso la vita per una disattenzione, ma sembra ancora presto per definire tutti i particolari, mentre si cerca di dare un nome a tutte le ragazze perite nell’incidente. Prosegue il lavoro della autorità spagnole impegnate nell’accertamento delle cause dell’incidente di Tarragona.

Si attendono i nomi delle sette ragazze italiane

Si sa che arrivavano per il famoso progetto universitario dal Piemonte, Toscana e Liguria.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Scuola

34 sarebbero i feriti, di cui 3 in gravi condizioni. 5 italiani ricoverati, ma tra chi manca ancora all’appello e chi potrebbe essere in ospedale, non c’è chiarezza. La situazione è incerta, l'unica cosa certa è il computo dei morti, 13 tra i 20 ed i 29 anni, di diverse nazionalità. Erano cinque pullman di ritorno da una festa pirotecnica a Valencia. Non ha dubbi Jordi Canè, ministro degli Interni catalano, il quale spiega che il conducente ha perso il controllo del mezzo, ha sterzato bruscamente ed il pullman si è rovesciato finendo sulla corsia opposta dove si è schiantato su un’altra macchina nella quale viaggiavano due persone rimaste soltanto ferite.

Si pensa ad un colpo di sonno dell’autista che è comunque risultato negativo ai test di droga ed alcool, ed ora è indagato per omicidio plurimo colposo.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto