Pubblicità
Pubblicità

Spreco di denaro pubblico: è questa l'accusa mossa al Ministro Stefania Giannini dal giudice per una vicenda risalente a quando era rettore dell'Università per stranieri di Perugia. Considerato il compenso iniziale deciso per i commissari del concorso, sembra davvero assurdo. Insieme a lei è stato condannato anche l'attuale rettore dell'Ateneo, Giovanni Paciullo, e altre persone. La notizia è stata resa nota da alcuni quotidiani locali. In totale dovranno essere risarciti 95mila euro, contro i 339mila che erano stati richiesti. La quota della Giannini è di 9mila euro.

Pubblicità

Ministro Giannini e la condanna per danno erariale

I giudici della Corte dei Conti hanno condannato il ministro Giannini altri imputati per danno erariale per una vicenda di alcuni anni fa, precisamente il 2008. L'Ateneo aveva preso in affitto il Contrappunto (dandolo in gestione), allo scopo di creare una ‘Scuola di cucina italiana’. Ma il progetto non fu mai portato a compimento, motivo per cui i canoni di affitto pagati sono stati considerati uno spreco di denaro pubblico. La procura aveva richiesto il risarcimento di una somma pari a 339mila euro, ma alla fine è stato stabilito un risarcimento totale di 95mila euro, di cui 9mila spettanti al ministro Giannini.

I difensori della Giannini hanno ribadito le sue buone intenzioni nell'offrire un servizio agli studenti, accusando il gestore di non aver saputo portare a termine il progetto. La scelta, ha detto Paciullo, era giusta. Per questo motivo lui ha dichiarato che presenterà ricorso in appello. Nella sua versione dei fatti, Paciullo ha spiegato che la decisione proposta da Stefania Giannini (all'epoca rettore dell'Ateneo) e presa all'unanimità dal Consiglio d’amministrazione dell’Università per stranieri di Perugia, era dettata dalla necessità ed urgenza di destinare agli studenti spazi in un immobile, che in parte era già di proprietà dell’Università stessa.

Pubblicità
I migliori video del giorno

Ad ogni modo i soldi andranno versati all'Università di Perugia. La Corte dei Conti ha stabilito in questo modo, anche se ha ridimensionato di molto la cifra iniziale richiesta. Resta aggiornato su tutto ciò che riguarda il mondo della scuola, cliccando il tasto Segui.