Una terribile notizia giunge dalla regione Calabria ed in particolare da Crotone. Un delitto familiare stava per consumarsi poiché un ragazzo di ventiquattro anni ha aggredito suo fratello ferendolo con un coltello e poi cercando di colpirlo con una pistola. Il tutto è scoppiato a causa di una lite, causata forse da rancori personali. Vediamo i primi dettagli che sono emersi dopo l'intervento dei carabinieri.

Pubblicità
Pubblicità

La lite scoppia quasi in un delitto

L'accesa discussione è avvenuta nell'abitazione dei due ragazzi. Da una semplice lite è nata una vera e propria rissa, gli animi si sono accesi e uno dei due ragazzi ha afferrato un coltello da cucina e ha inveito contro il fratello. L'aggressore successivamente è scappato dall'abitazione e si è diretto verso uno stabile abbandonato. Qui avrebbe recuperato una pistola calibro7,65.

Pubblicità

Con la pistola in mano il ragazzo è ritornato nella sua abitazione ed ha sparato un colpo al cielo e successivamente uno verso la porta del bagno al cui interno c'era il fratello. Dopo di ciò ha lasciato la pistola in un aiuola e poi ha preso l'autocarro della mamma e si è diretto alla stazione dei carabinieri. Era anche senza patente.

L'arresto del giovane ragazzo

Jonathan Ferreri è di Roccabernarda, ha solo 24 anni ed era già noto alle forze dell'ordine.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Cronaca Nera

Aveva infatti dei precedenti per furto e per spaccio di stupefacenti. L'uomo, intorno alle quattro di ieri pomeriggio, 26 maggio, si è recato alla caserma ed ha raccontato ai militari della lite con il fratello. I carabinieri lo hanno così arrestato e condotto presso il carcere di Crotone. Il fratello è stato ferito e curato dai sanitari del 118. La vittima ha confermato quanto dichiarato dal fratello ed ha sporto denuncia contro lo stesso.

Adesso i militari raccoglieranno tutti gli elementi del caso e sarà fatta giustizia. Intanto l'arma è stata ritrovata ed al suo interno erano presenti anche tre cartucce di calibro 7,65. Per restare sempre aggiornati anche sui prossimi dettagli che emergeranno vi invitiamo a cliccare sul tasto Segui posizionato in alto.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto