Un altro episodio di violenze sulle donne. Siamo a Trieste. Un uomo violento non solo umiliava e picchiava continuamente la sua compagna ma la obbligava a mangiare solo quello che cucinava lui: praticamente niente. La donna ha così perso rapidamente 25 kg e, alla fine, ha trovato il coraggio di denunciare quell'uomo che si era trasformato improvvisamente in un 'demonio'. 

Se non mangiava quello che cucinava lui erano botte

La vittima degli abusi ha rivelato ai carabinieri che quell'uomo le chiedeva continuamente denaro e le vietata di aprire il frigorifero.

Pubblicità
Pubblicità

Se trasgrediva i suoi ordini erano botte. La donna ha cercato di assecondare l'uomo, consegnandogli spesso denaro e mangiando solo quello che cucinava lui; alla fine, però, non ce l'ha fatta e si è recata dai carabinieri per sporgere denuncia. Se non l'avesse fatto, la 'preda' del cinico uomo avrebbe avuto sicuramente problemi di salute perché, lo ricordiamo, ha perso molto peso nel giro di poco tempo. 

Sottoposta a numerose vessazioni

Dopo la denuncia, i carabinieri hanno iniziato a compiere le indagini ed hanno constatato le vessazioni a cui, costantemente, era sottoposta la donna di Trieste.

Pubblicità

A detta della vittima degli abusi, all'inizio quell'uomo era cordiale e rispettoso; poi è diventato violento. Il prepotente è stato rinviato a giudizio per violenze e maltrattamenti gravi: si dovrà presentare davanti ai giudici il prossimo 17 maggio. Quell'uomo che, un tempo, era un angelo è diventato improvvisamente un orco e, in diverse occasioni, ha scagliato anche oggetti contro la compagna, tra cui uno smartphone. La mortificazione peggiore, per la donna, è stata la privazione del cibo.

Quando provava fame non poteva recarsi in cucina per mangiare qualcosa. Se il compagno la scopriva mentre mangiava, iniziava a picchiarla. L'atteggiamento del bruto aveva favorito il rapido dimagrimento della donna di Trieste che, nel giro di poche settimane, era diventata l'ombra di sé stessa. Episodi come questo ricordano che il femminicidio, purtroppo, dilaga in Italia e assume vesti diverse nonostante le numerose campagne promosse per arginarlo.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto