Il rischio della nostra Carta di credito è legato alla “clonazione”. Salvatore La Barbera, primo Dirigente della Polizia di Stato, ha affermato che basta stare attenti, per ridurre i rischi legati alla clonazione della nostra carta di credito. Evitare che malintenzionati, si approprino dei nostri dati con la conseguenza, oltre al danno la beffa. Ci ritroviamo addebitate sul nostro conto corrente spese mai sostenute di dubbia provenienza.

Cosa fare?

Prima regola d’oro, controllare sempre gli estratti conto. Verificare qualsiasi spesa anche la più piccola, che ci pone dei dubbi. Dare disposizione affinché, possiamo ricevere sul nostro smartphone un sms immediato delle spese sostenute con la carta di credito.

Sicuramente ci rende più sicuri nell’uso della stessa. Ricevere un avviso di spesa fatta, quando si è a casa o al lavoro ci fa captare immediatamente che qualcosa non va. Siamo in vantaggio, possiamo intervenire tempestivamente. Avvisare chi di dovere, inoltrare immediatamente le contestazioni della spesa in eccesso, e nei casi più gravi pronti a una denuncia immediata alle Forze dell’Ordine, affinché svolgano i controlli del caso. Dobbiamo sempre stare attenti, anche nel ricevere tramite sms indicazioni circa la nostra carta, richiesta di mancanza di dati del nostro conto corrente. Essere furbetti, porci la domanda, perché ci chiedono notizie se hanno già tutte le informazioni necessarie? All’atto della richiesta della carta abbiamo firmato con contratto con indicazione precise e dettagliate, coordinate con la nostra banca di riferimento.

I migliori video del giorno

Casi recenti

La Polizia postale di Milano e dalla Procura di Monza, in coordinamento con le forze di polizia di Pitesti (Romania), ha individuato criminali all’opera, che attraverso uno "skimmer", un dispositivo in grado di memorizzare i dati presenti nella banda magnetica operava furti “tranquilli”. Infatti le carte clonate provenivano dalle banche delle Isole Cayman, Cina, Panama, Giappone, Svizzera, Olanda, Regno Unito, Francia, Perù e Usa. La Polizia fa presente che le “carte italiane” hanno incorporato dei microchip, che garantiscono un alto livello di sicurezza.

È importante vivere tranquilli, usare le nostre carte per tutte le spese che riteniamo opportune, ma soprattutto restare vigili, attenti, questo è l’unica arma a nostra disposizione per combattere l’eventuale clonazione.