Il 3 ottobre si è venuti a conoscenza di due stupri avvenuti nella capitale, tutti e due avevano come vittima una turista. La vittima brasiliana, 48 anni, è stata picchiata da due uomini e una donna, ragazza di uno dei due. Lo scorso 25 settembre, è stata avvicinata da questi tre che l'hanno sequestrata e portata in un capanno nei pressi della stazione Tuscolana. Le hanno legato i polsi dietro la schiena, nonostante cercasse di difendersi e combattere è stata stuprata per ore da tutti e due, mentre l'altra donna guardava.

In seguito la turista èsvenuta, priva di forze. Appena ha ripreso conoscenza, scalza e macchiata di sangue, decide di scappare approfittando del sonno dei due uomini e della donna.

Si è recata all'ospedale più vicino per ricevere cure e raccontare tutto

Ha raccontato agli investigatori del commissariato San Giovanni e del Celio,di essere stata rapinata, sequestrata e violentata da un algerino di 27 anni, un tunisino di 31 e una ragazza di 23 anni. Al rifiuto di avere un rapporto sessuale con loro l'hanno picchiata, stuprata e segregata, impedendole anche di andare in bagno.

Le indagini, incominciate subito, hanno portato alla cattura dei tre responsabili, rintracciati in una casa abbandonata, in via Tuscolana. I poliziotti hanno poi confermato che i tre aggressori hanno anche recentemente rapinatoun uomo tunisino, nei pressi della stazione Tuscolana a Roma.

Il secondo caso riguarda una donna australiana

Questa volta la vittima è una turista australiana di 49 anni. La notte del 2 ottobre èandata in discoteca vicino alla stazione Termini.

Ballando ha conosciuto un uomo, si sono allontanati insieme da qui in poi la turista ha un vuoto di memoria, si ricorda solo di essere stata derubata e di aver ricevuto un pugno in faccia. Intorno alle due di notte è stata trovata vicino al Circo Massimo, in stato di shock, da un ragazzo che l'haportata all'ospedale San Giovanni. I medici hanno trovato ferite, oltre alle ferite al volto, anche lividi nella zona inguinale.

Le forze dell'ordine stanno ancora ricostruendo la dinamica e identificare il responsabile.

Segui la pagina Cronaca Nera
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!