Burhan Ozbilici, il fotografo di Associated Press, che ha visto l’omicidio dell’ambasciatore russo ad Ankara con i propri occhi e ha fotografato l’assasino subito dopo l’attacco, racconta elementi importanti di ciò che è accaduto. Il fotografo ha spiegato che l’attentato è avvenuto all'inaugurazione di una mostra di fotografie sulla Russia, dove lui è venuto per svolgere il suo lavoro “di routine”. “Così quando un uomo in abito scuro e cravatta ha estratto una pistola sono rimasto sbalordito e ho pensato che fosse una trovata teatrale” – racconta Burhan Ozbilici.

Invece si trattava di un vero terrorista che voleva raggiungere un fine – uccidendo l’ambasciatore russo, minare l’autorità e fare conoscere la sua causa.

Il racconto del fotografo

Attraverso la lente della fotocamera Ozbilici vedeva le persone spaventate, shock, paura e l’uomo che sparava all’ambasciatore della Russia. Ozbilici ha rilevato che dentro galleria si sono sentiti almeno otto spari. Gli ospiti sono caduti per terra, si sono nascosti sotto i tavoli e dietro le colonne. “Anche io ho avuto paura ed ero confuso, ma ho trovato copertura parziale dietro un muro e fatto il mio lavoro: fotografare” – ammette il fotografo che è arrivato proprio nel momento in cui il diplomatico russo Andrei Karlov pronunciava il discorso.

“Parlava piano e con tanta amore verso il suo paese” – dice Ozbilici e aggiunge che Karlov gli è sembrato molto “umile e mite”. C’è stata poi una serie di spari, ed è seguito il panico. Il corpo del diplomatico russo è rimasto per terra.

Procedimento penale per terrorismo

A testimoniare riguardo l’omicidio dell’ambasciatore russo in caso di necessità è pronto anche il suo collega kirghiso, Ibrahim Zunusov.

Nel momento dell’attacco lui e l’ambasciatore della Russia si trovavano insieme alla cerimonia d’apertura della mostra fotografica ad Ankara. “Il terrorista continuava a sparare e gridare ‘Allah akbar’ – racconta Zunusov- sul bavero della giacca aveva un distintivo che brillava, abbiamo pensato che fosse uno della guardia”. Le autorità hanno avviato un procedimento penale, considerato come un atto del terrorismo internazionale.

Segui la nostra pagina Facebook!