Berlino. Un camion si scaglia contro un marciapiede nei pressi della Chiesa del Ricordo, nella via principale degli acquisti berlinesi a Charlottenburg piombando tra la folla che si trovava nel mercatino di Natale, si teme già la matrice islamica.

Dopo l’attentato che è costato la vita all’ambasciatore russo ad Ankara la scia di sangue si sposta adesso a Berlino, nel cuore dell’Europa.

Fino ad adesso (ore 21,45) il conteggio delle vittime ammonta a nove persone e diversi feriti ancora da precisare (almeno 50) che sarebbero stati investiti dal camion che è stato incagliato tra le bancarelle del mercato in un momento in cui era particolarmente affollato.

Pubblicità
Pubblicità

Il mercatino era infatti, al momento dell’attentato, affollato da persone intente a completare gli acquisti dell’ultim’ora tra le bancarelle natalizie del Weinachtmarkt.

Il camion si sarebbe scontrato poi contro l’albero di Natale che era al centro del corso della zona occidentale di Berlino.

Non ci sono ancora informazioni certe circa la matrice dell’atto, ma la mente immediatamente è andata all’attentato di Nizza del 14 Luglio scorso.

Il camion è ancora bloccato all’interno del mercatino.

Ancora non è certo il numero di metri percorso dal camion prima di essersi arrestato.

Un’agenzia tedesca ha rilanciato le prime informazioni circa un potenziale soggetto in fuga, il che farebbe rientrare l’atto all’interno della matrice terroristica, volto a far giungere il terrore fin nel cuore dell’Europa.

Si tratta presumibilmente solo dell'ultimo caso di un atto terroristico portato a termine con il minimo delle risorse disponibili.

Pronto l’intervento delle forze dell’ordine, che stanno sgomberando la zona e procedendo al conto delle vittime.

Pubblicità

Secondo un tweet ufficiale della polizia di Berlino che conferma "nove morti e molti feriti", la polizia è impegnata ad indagare. L'obiettivo chiaramente sembra quello di spargere il panico nella vita quotidiana dei cittadini europei colpendo contemporaneamente due simboli spesso avversati dai terroristi: da un lato il Natale quale festività cristiana ed il consumismo di cui il mercatino sarebbe stata un espressione.

Si attendono ulteriori aggiornamenti.

Leggi tutto