Nelle ultime ore sta crescendo a dismisura la vendita del 'Mein Kampf', il libro pubblicato nel 1925 da Adolf Hitler e considerato come il manifesto politico del partito nazionalsocialista e dell'ideologia nazista. Secondo quanto riporta un articolo pubblicato sul sito web della testata giornalistica online 'Il Post', le vendite dello stesso libro del Fuhrer sono cresciute del 1037% sull'edizione italiana di amazon. Inoltre, lo stesso 'Mein Kampf' è riuscito a recuperare ben 200 posizioni e si è stabilizzato al ventiquattresimo posto.

Pubblicità
Pubblicità

L'ipotesi: 'La vendita del Mein Kampf c'entra con i fatti di Macerata'

Secondo quanto scritto nello stesso articolo pubblicato per il 'Post.it', il recente boom del 'Mein Kampf' è legato alla sparatoria avvenuta a Macerata. Sempre stando allo stesso articolo del 'Il Post', il fatto è che nella casa dello stesso Luca Traini è stata trovata una copia dello stesso manifesto hitleriano. Su tale punto, c'è da segnalare che oltre allo stesso 'Mein Kampf' nella casa di Traini sono stati ritrovati altri oggetti e Libri riconducibili al mondo del neofascismo e del neonazismo.

Pubblicità

Più specificatamente, come riportato da un articolo pubblicato sul sito del 'Blitz Quotidiano', si tratta di una croce celtica, di un libro sulla Repubblica Sociale Italiana e un manifesto della Gioventù Fascista.

La diffusione del Mein Kampf e la libertà d'espressione

La questione della libera vendita del Mein Kampf è da diverso tempo una delle tematiche più controverse e discusse in Italia. C'è chi sostiene che diffonderlo possa servire a "sdoganare" le idee di Hitler e dell'ideologia nazionalsocialista, mentre dall'altra parte c'è chi afferma che diffonderlo potrebbe servire a creare una maggiore consapevolezza storica e a capire maggiormente il contesto in cui nacque il regime del Terzo Reich.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Libri

Su tale questione, ci sarebbe da dire che la libertà d'espressione è un valore fondamentale e da tutelare per la nostra società e che la stessa libera vendita del 'best steller' hitleriano, al contrario di quanto sostengono alcuni opinionisti, potrebbe servire per avere una maggiore conoscenza storica e imparare dal passato.

Il fatto che individui come lo stesso Luca Traini abbiano presumibilmente letto e/o preso ispirazione dal Mein Kampf non dovrebbe essere un argomento favorevole alla censura, in quanto non è la mera lettura di un controverso libro che influisce sulla condotta di un individuo.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto