Il più alto organo giurisdizionale dell'Unione europea ha dichiarato che tutti i cittadini dell'Unione Europea, sia che abbiano rapporti di sesso opposto o di persone dello stesso sesso, potranno portare i loro coniugi non comunitari, nel loro paese per vivere con loro, anche se tale stato membro non riconoscere il matrimonio omosessuale.

Il caso Coman

Le organizzazioni LGBT hanno salutato la sentenza storica come una vittoria per i diritti umani [VIDEO]. La Corte di giustizia dell'Unione europea si è pronunciata a favore di un uomo rumeno, Relu Coman, a cui era stato negato il diritto di portare il suo marito americano, Robert Hamilton, in Romania (dove il matrimonio omosessuale non è legale), e che aveva presentato una contestazione legale contro la decisione.

Come risultato di questa sentenza, chiunque può vivere con il proprio marito o la propria moglie in qualsiasi paese dell'UE, indipendentemente dal sesso, perché secondo la Corte di giustizia il termine "coniuge" non è di genere. Tuttavia, ciò non significa che tutti i 28 paesi dell'UE debbano consentire i matrimoni omosessuali. Dovranno semplicemente concedere diritti di residenza a partner dello stesso sesso.

Una sentenza storica

"Sebbene gli Stati membri abbiano la libertà di autorizzare o meno il matrimonio tra persone dello stesso sesso, non possono ostacolare la libertà di residenza di un cittadino dell'UE rifiutando di concedere al suo coniuge omosessuale, cittadino di un paese che è non è uno Stato membro dell'UE, il diritto di residenza nel loro territorio", ha affermato la corte.

"Il termine "coniuge" ai sensi delle disposizioni del diritto dell'UE sulla libertà di residenza dei cittadini dell'UE e dei loro familiari include i coniugi dello stesso sesso". Il caso è iniziato sei anni fa quando Coman ha cercato di ottenere il permesso dal governo rumeno per portare Hamilton, suo marito, nel suo paese natale. Le autorità rumene hanno risposto dicendo a Coman che, nonostante le leggi sulla libertà di movimento e i diritti sponsali all'interno dell'UE, Hamilton potrebbe vivere solo in Romania per tre mesi, perché la giurisdizione non riconosce il matrimonio tra persone dello stesso sesso.

In una sfida legale di discriminazione basata sull'orientamento sessuale, il tribunale rumeno ha rinviato il caso ai giudici dell'UE. A gennaio un alto consulente legale del tribunale dell'UE, l'avvocato generale Melchior Wathelet, ha raccomandato che il termine "coniuge" debba essere considerato un termine non di genere, ma il suo consiglio non era giuridicamente vincolante, fino alla sentenza odierna.

In seguito alla sentenza di questa mattina, Hamilton ha twittato: "Mio marito ed io siamo così entusiasti di questa decisione! Ringraziamo tutti coloro che ci hanno supportato in questo viaggio! Ora siamo un passo avanti verso il riconoscimento di noi come nucleo familiare [VIDEO]!" Sebbene il matrimonio tra persone dello stesso sesso sia legale in Belgio, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Irlanda, Lussemburgo, Paesi Bassi, Portogallo, Spagna, Svezia, Regno Unito (a parte l'Irlanda del Nord), Malta, non vi sono diritti di partenariato gay in Bulgaria, Lettonia, Lituania, Polonia, Romania, Slovacchia e limitati diritti sponsali dello stesso sesso in altri stati come la Repubblica Ceca e l'Estonia.