I carabinieri della compagnia Torino [VIDEO] hanno arrestato Severino Bergamini, un pensionato di 71 anni per omicidio volontario. L'uomo, che si è autodenunciato presso la stazione dei carabinieri di Leinì, in provincia del capoluogo piemontese, è stato accusato di avere ucciso la suocera, Adele Crosetto di 84 anni, a colpi di martello per dei vecchi rancori. Il presunto omicida è stato poi tradotto presso il carcere più vicino.

L'efferato delitto

Il terribile omicidio è avvenuto questa mattina intorno alle 8.00 circa, in un cascinale in via Provana 21, a Leinì, un grande agglomerato urbano della provincia metropolitana di Torino.

Saverio Bergamini, preso da un insano raptus di follia è sceso nell'appartamento sottostante, dove abitava la suocera [VIDEO] più che ottantenne Adele Crosetto, costretta al letto per una malattia, ha preso un grosso martello e ha colpito la donna più volte. Poi ha chiamato i carabinieri del luogo per autodenunciarsi. 'Ho ucciso la madre di mia moglie, presto venite', ha urlato al telefono.

La vittima in quel momento era ancora viva. Sul luogo della tragedia sono intervenuti immediatamente i sanitari del 118, che hanno tentato di rianimare la donna. Successivamente, l'anziana signora è stata trasportata presso l'ospedale Cto di Torino in fin di vita. Gli specialisti del nosocomio le hanno prestato le prime cure. La donna in età avanzata è stata anche intubata, ma le sue condizioni di salute sono apparse immediatamente gravi e per lei non c' è stato nulla da fare.

Nel pomeriggio è deceduta.

Le indagini dei carabinieri e la testimonianza della moglie

I carabinieri della locale stazione hanno immediatamente iniziato le indagini sulla vicenda, per capire la dinamica dell'accaduto e il movente del folle gesto. In particolare, i militari dell'arma hanno subito interrogato la moglie di Bergamini che è rientrata a casa sotto choc, subito dopo il violento assassinio. La coniuge dell'indagato, ha descritto il marito come una persona tranquilla e per niente violenta. Poi ha raccontato delle diverse liti intercorse tra suocera e genero, in parecchie occasioni per motivi patrimoniali e familiari, precisando che si trattava però di semplici beghe che non erano mai sfociate in veri e propri atti di violenza.

La moglie inoltre ha specificato, che la situazione è pero peggiorata da quando l'anziana signora è caduta e si è ferita ad un polso. La 84 enne, da allora non è più stata autosufficiente. Solo le figlie si sono prese cura della madre non ricorrendo ai servizi sociali.

Secondo lei, probabilmente il consorte costantemente sotto pressione ed innervosito, ha commesso un vero e proprio gesto dettato dall'esasperazione.

L'arresto

I militari dell'arma hanno arrestato Severino Bergamini per omicidio volontario e lo hanno tradotto presso il carcere a Ivrea. L'uomo, interrogato dai carabinieri, non ha voluto rispondere a nessuna domanda postagli e non ha nemmeno firmato il verbale sull'accaduto. Le forze dell'ordine comunque hanno sequestrato il martello adoperato per l'aggressione mortale. Infine il sospettato non ha neanche chiamato un legale per richiedere assistenza.