Una terribile tragedia familiare si è consumata ieri a Sant'Antonino di Susa, un paese dell'hinterland torinese. Un uomo di 70 anni, F. Forla, al culmine dell'ennesima lite con il figlio adottivo, ha avuto una reazione improvvisa e violenta: ha preso un cavo del pc, e ha strangolato il giovane, un 36enne. L'uomo era conosciutissimo in paese, soprattutto per la sua professione di medico di base: era infatti un dentista, ed è stato anche vicesindaco del paese, dove era tornato da pochi mesi, dopo aver vissuto a Lucca con la sua ex compagna.

Dopo aver compiuto il misfatto l'uomo ha chiamato i Carabinieri e si è costituito subito: "Venite a prendermi", così pare abbia detto sotto choc ai militari.

Tragedia dettata forse dalla disperazione

A quanto pare il triste epilogo di questa vicenda è stato dettato dalla disperazione. Tutti conoscono infatti Forla in paese, e nessuno si sarebbe mai aspettato un gesto simile, che ha lasciato sgomenta l'intera comunità di Sant'Antonino di Susa. Secondo quanto riportato dalla stampa locale e nazionale, pare che quel figlio adottivo da sempre abbia mostrato alcuni problemi.

Ma la famiglia di Forla, e lui stesso, hanno sempre fatto di tutto per aiutarlo. Ultimamente, la situazione pare fosse peggiorata.

Il fatto di cronaca si è verificato in un momento in cui i due erano soli. La moglie del 70enne infatti era uscita pare fare la spesa, ed in quel momento tra figlio e padre adottivo forse è scoppiata una lite, i cui motivi sono tutti da chiarire. Accecato dalla rabbia, Forla ha preso il cavo del pc e si è avventato contro il giovane, strangolandolo.

Per lui non c'è stato nulla da fare. Una vicenda davvero complessa e molto delicata. Il 36enne pare fosse anche seguito da uno psichiatra. Sulla vicenda stanno indagando i militari la Procura di Torino: gli inquirenti dopo l'interrogatorio di garanzia prenderanno un provvedimento nei confronti di Forla, tenendo conto anche della delicata situazione familiare.

Il sindaco di Sant'Antonino: 'Una persona tranquillissima'

Non ha parole il primo cittadino del paese Susanna Preacco, la quale ai media ha parlato del suo bellissimo rapporto con il Forla. Lo definisce una persona tranquilla, senza grilli per la testa, ligio al suo dovere e mai arrabbiato. Una persona come tante altre, con una famiglia 'normale', che ora è sconvolta. Tutta la comunità si è stretta intorno alla famiglia, ma anche intorno a Forla.

Segui le tue passioni.
Rimani aggiornato.

"Flavio è e resta una persona da amare", così ribadisce la gente del posto.

Segui la nostra pagina Facebook!