Una vicenda alquanto singolare è accaduta in provincia di Agrigento, e precisamente da Favara, dove un 28enne del posto si è reso protagonista di almeno 7 truffe online, a danno di altrettante persone.

Gli ignari clienti infatti intrattenevano con il soggetto gli affari più disparati, l'unico problema era che, una volta conclusa la trattativa, il soggetto in questione spariva.

Pubblicità
Pubblicità

I Carabinieri della locale tenenza sospettavano già qualcosa, e per questo lo hanno convocato in caserma per un controllo. I loro sospetti si sono purtroppo rivelati reali: il truffatore che cercavano era proprio lui, e i militari non hanno fatto molta fatica ad incastrarlo, in quanto lui stesso ha telefonato ad una delle vittime dei suoi raggiri proprio mentre si trovava in caserma.

L'uomo si stava accordando per la vendita di una barca di lusso

Come detto, le trattative che l'uomo intratteneva con le persone erano le più disparate, e ultimamente aveva alzato leggermente l'asticella.

Agrigento, 28enne truffatore seriale si tradisce da solo davanti ai Carabinieri e chiama una vittima dei suoi raggiri
Agrigento, 28enne truffatore seriale si tradisce da solo davanti ai Carabinieri e chiama una vittima dei suoi raggiri

Stava infatti contrattando la vendita di una imbarcazione di lusso. A questo punto, mentre attendeva in sala d'attesa nella stessa caserma dei Carabinieri di Favara, così come riporta Il Giornale, ha deciso di chiamare la persona con cui stava intrattenendo la trattativa relativa all'imbarcazione. Un agente però si è accorto di quanto stava succedendo, e ha chiamato subito i colleghi.

A questo punto il soggetto è stato fermato, e per lui è scattato l'arresto in regime di domiciliari: dovrà rispondere di truffa aggravata.

Pubblicità

Secondo quanto riferito dall'Arma le modalità con cui il soggetto agiva sul web erano sempre le stesse: metteva un annuncio on-line in cui vendeva un bene, poi i clienti attirati dalle foto e dai prezzi vantaggiosi si mettevano in contatto con il malfattore in questione. Gli stessi quindi pagavano la merce, ma quest'ultima purtroppo non veniva mai consegnata.

Seguite le tracce virtuali

I militari sono arrivati a sospettare dell'uomo seguendo proprio alcune tracce virtuali che si trovavano in Rete.

Purtroppo non è il primo caso del genere che accade nel nostro Paese, e probabilmente non sarà neanche l'ultimo. Sul web, oltre a tante persone serie e oneste, si trova anche tanta gente senza scrupoli che spera di derubare il prossimo con raggiri di varia natura.

Sono molti i soggetti che sono cascati nella trappola del 28enne, il quale, secondo quanto riferisce Sicilia TV, sulle sue pagine online, avrebbe guadagnato in questa maniera ben 9 mila euro.

Pubblicità

Per oggi è programmata l'udienza di convalida del fermo nei confronti del giovane truffatore seriale, il quale rimane a disposizione dell'autorità giudiziaria.

Leggi tutto