Ennesima scossa di Terremoto in pochi giorni in Grecia, dove questa mattina la terra è tornata a tremare: stavolta l'epicentro è stato registrato a 35 chilometri al largo dell'isola di Samos. Il grado che ha raggiunto è di circa 4.7 sulla scala Richter. Al momento non si registrerebbero danni a cose o persone, per cui non ci sarebbero vittime o feriti. Secondo quanto riferito dall'istituto di geodinamica di Atene, la scossa si è verificata a circa 10 chilometri di profondità. Il tremore è stato avvertito anche dai numerosi turisti che in questo periodo affollano l'isola greca.

Raggiunta la costa turca

Le onde d'urto generate dal terremoto hanno raggiunto anche la costa turca, precisamente la regione di Izmir, dove si trova la città di Smirne, che affaccia direttamente sul mar Egeo. Anche qui, secondo quanto riporta la stampa internazionale, non ci sono stati danni o feriti. Tra i tanti turisti che in questo periodo si trovavano nella zona, stamattina c'erano anche numerosi nostri connazionali, i quali hanno scelto per le proprie vacanze sia sulla costa greca che quella turca.

Non è inoltre la prima volta che in Grecia si verifica una scossa di terremoto: proprio negli scorsi giorni infatti, come si diceva in apertura, un altro terremoto si verificò vicino Malevizi, sull'isola di Creta, non molto distante da dove oggi si è verificata l'ennesimo movimento tellurico. In quel caso il sisma fu leggermente più forte, con una magnitudo che raggiunse i 5.2 gradi sulla scala Richter, cioè quell'apposito strumento che misura l'intensità di un terremoto. Anche in quell'occasione la paura tra residenti e turisti fu davvero tanta, ma, come successo anche oggi, non ci furono danni.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Terremoto

Situazione tornata sotto controllo

In Grecia, così come anche sulla costa turca, è tornata alla normalità. I turisti possono tranquillamente riprendere le loro vacanze in serenità, anche se l'allerta delle autorità rimane alta, specie quando si verificano questi fenomeni improvvisi. Proprio alla fine dello scorso mese di luglio, due forti scosse, con una potenza compresa tra 5.4 e 5.9 sempre sulla scala Richter, colpirono le Filippine.

Purtroppo, in quella circostanza, la violenza delle scosse di terremoto provocò anche delle vittime, almeno 8 secondo le stime diffuse dalle autorità locali. Diversi furono i feriti, ma fortunatamente nessuno di loro risultò essere in pericolo di vita. Una delle due scosse fu localizzata ad una profondità davvero irrisoria, ovvero a circa due chilometri dalla superficie del terreno. Visto quanto successo oggi nel Mediterraneo, bisogna ricordare che lo specchio di mare compresa tra Creta e le Cicladi è spesso soggetto a terremoti di piccola o grossa intensità, in quanto si trova in una zona dove ci sono delle isole di origine vulcanica nota in geologia con il nome di "Arco Ellenico".

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto