Didier Gailhaguet, presidente della Federazione francese degli sport del ghiaccio, si è dimesso nella mattinata dell'8 febbraio, dopo una conferenza stampa tenutasi qualche giorno prima a Parigi. L'ex presidente è stato accusato, infatti, di aver nascosto degli abusi riguardanti alcune pattinatrici; tali violenze sarebbero state perpetrate da ben tre diversi allenatori.

La vicenda

La pattinatrice, nonché ex campionessa, Sarah Abitbol sarebbe stata la prima a far crollare la cortina di fumo attorno la vicenda, denunciando gli abusi: difatti, la donna ha scritto un libro, pubblicato poche settimane fa, "Un si long silence" (Un silenzio così lungo), in cui accusa il suo ex allenatore, Gilles Beyer, di averla violentata più volte tra il 1990 e il 1992, quando la donna era giovanissima: tra i quindici e i diciassette anni.

L'ex allenatore ha ammesso pubblicamente di aver avuto rapporti sessuali con la donna ai tempi, giudicandoli "rapporti inappropriati". Sarah Abitbol ha immediatamente reagito, correggendo Beyer: si trattava di violenze vere e proprie, non di rapporti inappropriati.

Da un'indagine è emerso che i genitori della Abitbol denunciarono gli abusi tramite una lettera all'inizio del 2000, e l'anno successivo l'allenatore fu sospeso dal suo ruolo dal Ministero dello sport francese. Nonostante la sospensione, la carriera di quest'uomo è proseguita negli anni, arrivando a ricoprire ruoli come caposquadra durante campionati mondiali e in alcuni club privati.

La reazione di Didier Gailhaguet

Il presidente della Federazione francese, Didier Gailhaguet, si è immediatamente espresso riguardo la vicenda Abitbol - Beyer, giudicando il rientro nel mondo dello sport dell'allenatore come un suo stesso errore di ingenuità. La Abitbol si è espressa nuovamente, denunciando la presenza tuttora di vari membri che dovrebbero essere rimossi dall'incarico poiché colpevoli, anch'essi, di aver taciuto a riguardo.

Il presidente Gailhaguet si è dimesso l'8 febbraio e ha sostenuto la sua totale estraneità ai fatti durante una conferenza stampa tenutasi a Parigi in data 5 febbraio: secondo l'ex Presidente la riammissione di Gilles Beyer nel mondo dello sport sarebbe da attribuire ad un ex Ministro dello Sport, in carica negli anni in cui i fatti accaddero. Ha, inoltre, descritto l'attuale Ministro dello Sport, Roxana Maracineanu, colpevole di eccessivo moralismo.

Roxana Maracineanu aveva denunciato Gailhaguet per l'omertà da lui perpetrata, indicandolo come principale responsabile dei fatti accaduti.

L'ex presidente Gaihaguet non è nuovo a scandali sportivi: era stato bandito per tre anni dopo gli eventi delle Olimpiadi tenutesi a Salt Lake City nel 2002, in cui i giudici truccarono le gare, e nel 2004 fu costretto a dimettersi dopo denunce di insoddisfacente gestione.

Segui la pagina Cronaca Nera
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!