Nonostante l'epidemia da Coronavirus continui a mietere centinaia di morti ogni giorno, c'è chi pare non aver ancora colto la gravità della situazione in essere. E' il caso di un uomo di 74 anni di Rimini, che in barba a tutti i divieti e agli appelli a stare a casa ha deciso di inforcare la bicicletta ed imboccare la Via Emilia, storica strada romana che collega la città romagnola a Piacenza (e, dopo modifiche successive, a Milano). L'uomo è stato denunciato.

La giustificazione dell'uomo: 'Devo fare le gambe'

L'uomo, un ciclista amatoriale di Rimini di 74 anni, nella giornata di sabato 21 marzo ha deciso di salire sulla sua bicicletta e di mettersi in strada in direzione nord. Dopo aver percorso decine di chilometri, l'uomo è stato fermato dalla Polizia locale sulla Via Emilia a Savignano sul Rubicone (cittadina di 17 mila abitanti della provincia di Forlì-Cesena). Una volta fermato, l'uomo ha giustificato il suo spostamento con il bisogno di "dover fare le gambe', espressione gergale ciclistica che significa "allenare le gambe".

A questo punto gli agenti non hanno potuto far altro che denunciare l'uomo per aver violato le norme di emergenza emanate dalla Regione Emilia-Romagna e dal Governo. Secondo tali norme, infatti, gli spostamenti con qualsiasi mezzo (bici compresa) sono consentiti solo per motivazioni di grave necessità, di bisogno sanitario e di lavoro. Tutte casistiche che, evidentemente, non interessavano il 74 enne.

Il mondo del ciclismo piange Romeo Tepore, vittima del Covid-19

Mentre nelle strade le autorità sono costrette a denunciare delle persone che non riescono a comprendere che il loro dovere in questo momento è quello di restare a casa, negli ospedali di Italia si continua a morire. E una delle ultime vittime tocca da vicino il mondo del Ciclismo, almeno quello amatoriale. Oggi, lunedì 23 marzo si è spento infatti a Brindisi Romeo Tepore, papà della storica manifestazione ciclistica 'Brindisi in bicicletta'.

L'uomo si trovava da alcuni giorni ricoverato all'ospedale Perrino ed era positivo al virus. Brindisi in bicicletta rappresenta uno degli eventi ciclistici più importanti della Puglia: nata nel 1974 grazie proprio a Tepore, la manifestazione è capace ogni anno di attirare moltissimi cicloamatori da tutta Italia che sono chiamati a percorrere in sella alle loro bici le vie della città. Proprio nella giornata odierna, prima delle prescrizioni governative emanate negli scorsi giorni, sarebbe dovuta essere in programma la presentazione del suo libro 'Istantanee di una vita-Un viaggio lungo tre quarti del secolo'.

L'uomo aveva 82 anni e la notizia della sua morte è stata confermata dal figlio su Facebook.

Segui la pagina Coronavirus
Segui
Segui la pagina Ciclismo
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!