La la figlia 11enne di Melania Rea non utilizzerà più il cognome del padre Salvatore Parolisi, ma prenderà quello della madre. La notizia è stata anticipata su Facebook dal giornalista di Giallo Gian Pietro Fiore. Lo stesso settimanale di Cronaca Nera recentemente aveva riferito che l'ex caporalmaggiore (condannato a 20 anni per omicidio della moglie) e detenuto nel carcere milanese di Bollate, avrebbe una nuova relazione.

La figlia di Melania Rea cambia il cognome

Melania Rea è stata uccisa a coltellate dal marito Salvatore Parolisi nel bosco di Colle San Marco (a poca distanza da Ascoli Piceno) il 18 aprile 2011.

All'epoca, la figlia della coppia aveva solo 18 mesi e, secondo la ricostruzione processuale, al momento del delitto, si trovava in auto, sul seggiolone, a pochi metri dalla scena del delitto.

Dopo la morte della madre e l'arresto del padre - che per settimane aveva cercato in ogni modo di depistare le indagini - la piccola è stata affidata ai nonni materni che l'hanno cresciuta con il sostegno del fratello di Melania, Michele. Oggi undicenne, la ragazzina che vive a Somma Vesuviana, paese d'origine di Melania, ha deciso di "cancellare" l'ingombrante cognome Parolisi. Il giudice, da quanto si apprende, avrebbe già approvato la modifica. Salvatore Parolisi ha perso la patria potestà nei confronti della figlia nel 2017.

La nuova vita di Salvatore Parolisi

Come già accennato, Salvatore Parolisi nel 2015 è stato condannato in via definitiva per l'omicidio della moglie Melania. La Corte di Cassazione ha confermato la condanna in appello, ma non riconoscendo l'aggravante della crudeltà ha decurtato la alla pena comminata di dieci anni, facendo quindi passare la condanna da 30 a 20 anni di detenzione.

Il militare originario di Frattamaggiore (Napoli), come da protocollo è stato degradato e, a oggi, ha già scontato metà della pena. Considerato un detenuto modello, lavora nel carcere di Bollate come centralinista e si è iscritto a Giurisprudenza. Come previsto dall'ordinamento giuridico l'ex caporalmaggiore, oggi 42enne, può usufruire per motivi di lavoro o di studio di permessi premio per periodi variabili da un’ora fino a 15 giorni consecutivi (per un totale di 45 giorni all’anno).

Come ha riportato Giallo Parolisi si starebbe rifacendo una vita e avrebbe un nuovo amore. L'uomo, infatti, riceverebbe regolarmente le visite di una donna, sua coetanea. I due si sarebbero conosciuti circa tre anni fa e i loro contatti andrebbero avanti da quando l'ex militare era rinchiuso nella Casa Circondariale di Pavia Torre del Gallo.

Segui la pagina Cronaca Nera
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!