Roger Waters era a Londra lunedì e ha partecipato da protagonista alla manifestazione in sostegno di Julian Assange che si è svolta davanti al Ministero dell'Interno inglese. Il frontman dei Pink Floyd ha dedicato ad Assange uno dei brani più famosi della band, 'Wish You Were Here', in riferimento esplicito alla detenzione del fondatore di Wikileaks.

Roger Waters antimilitarista alla manifestazione per Wikileaks

Roger Waters non ha solo cantato e suonato con la sua chitarra il celebre brano del 1975, ma ha anche parlato alla folla: 'Cosa dovremmo fare sapendo che Assange è in isolamento?', ha detto durante il suo momento sul palco.

E poi ha rivolto un pensiero alle vittime di guerra: 'E cosa dovremmo fare sapendo che quei bambini in Siria o in Palestina sono fatti a pezzi dalle persone che lavorano in questo edificio?'. Il pensiero antimilitarista della rockstar britannica si è espresso in tutta la sua forza durante questo momento di concitazione generale. Ecco il video dell'esibizione:

Assange in attesa dell'udienza di estradizione

Al momento Julian Assange è detenuto nel carcere HM della capitale inglese ed è in attesa dell'udienza di completa estradizione, attesa per febbraio.

Era stato arrestato nell'ambasciata dell'Ecuador ad aprile dopo averci trascorso sette anni tentando di sfuggire alla legge britannica. Restano valide le accuse di cospirazione per essere entrato illegalmente in uno dei computer del Pentagono nel 2010. Su Assange pesano poi le accuse di aggressione verso due donne in Svezia, ma mentre è certa la vicenda del Pentagono e la successiva pubblicazione dei dati hackerati per Wikileaks, sulla violenza sulle donne Assange ha sempre negato le accuse.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Curiosità

Waters da Gorbachev a ottobre

Il cantante a ottobre andrà a trovare l'ex presidente dell'Unione Sovietica Mikhail Gorbachev. Lo ha annunciato prima di intonare le prime note di 'Wish You Were Here' e ha aggiunto, riferendosi all'Ufficio degli Affari Interni inglese: 'Ora è molto anziano, ma dobbiamo essergli grati per aver capito cosa stava succedendo in questo ufficio maledetto'.

Intanto Roger Waters ha dato sostegno ad Assange cantando sul palco allestito per l'occasione, e in attesa che il film del suo tour di quasi 160 date 'Us + Them' esca ufficialmente nelle sale cinematografiche.

L'anteprima del film, diretto da Waters e Sean Evans, sarà trasmessa alla 76ª Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia venerdì 6 settembre. Waters dialogherà con i fan: ha infatti espressamente richiesto, durante la sua presentazione, di poter rispondere alle domande dei presenti. Il film del tour arriverà nelle sale italiane da sabato 7 a lunedì 9 ottobre con distribuzione Nexo Digital.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto