Errori strategici, pesanti sanzioni e attacchi da parte di speculatori senza scrupoli sono stati - secondo gli esperti del settore - i fattori che hanno determinato la grave crisi che ha colpito recentemente la banca più importante della Germania. Ma niente panico. Gli investitori del Qatar, che già possiedono circa il 10 per cento della Deutsche Bank, hanno manifestato l'intenzione di assumerne il controllo. 

Fu lo stesso Anshu Jain - ex co-presidente del noto istituto di credito originario di Jaipur (India) che organizzò l'affare nel maggio 2014 con lo sceicco Hamad bin Jassim bin Jabor Al-Thani del Qatar.

Pubblicità

I due si conoscevano già tra di loro, ovviamente - l'ex co-CEO di Deutsche Bank e il primo ministro ex Qatar, noto anche con le sue iniziali HBJ, che è uno degli uomini più ricchi e più influenti nella regione del Golfo. HBJ era stato a lungo un cliente Deutsche Bank e con molta discrezione aveva cominciato a valutare la possibilità di negoziare un accordo con Jain finendo con l'investire 1,75 miliardi di euro, quota di tutto rispetto che ne fece di lui uno dei principali azionisti dell'istituto finanziario con sede a Francoforte.

A Jain parve di aver fatto centro: grazie a lui la Deutsche Bank aveva guadagnato un partner forte che avrebbe potrebbe aiutare la banca a risalire la china riportandola agli antichi splendori. Un partner che aveva esplicitamente sostenuto fin dall'inizio la sua policy confermandola nel suo ruolo di importante banca di investimenti europea. E il governo tedesco sembrava disposto a favorirne lo sviluppo. Ma solo due anni e mezzo dopo, la banca è sull'orlo del precipizio. Jain viene deposto dall'incarico a causa del suo ruolo nella crisi finanziaria e del suo scarso successo come co-amministratore delegato.

Pubblicità

Il suo successore John Cryan, al timone dell'istituto di credito da 15 mesi, non è riuscito ad elaborare una strategia coerente, e il capitale della banca è nuovamente messo a rischio dalla crescente sfiducia tra azionisti e clienti.

Il 15 settembre, il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti ha ordinato alla società di pagare una multa $ 14 miliardi per uscire dalle accuse di frode relative al confezionamento e alla vendita di titoli garantiti da ipoteca che hanno portato in tempi rapidissimi alla crisi finanziaria globale.

Gli speculatori e politici sono precipitati in uno stato di panico all'annuncio della possibilità di un piano di salvataggio da parte del governo per la prestigiosa banca. Un'atmosfera di frustrazione e depressione persiste nei corridoi dell'istituto di credito che Cryan sta cercando di combattere con i messaggi di speranza.

Un'impresa temeraria

Impresa non facile. Per un certo periodo, il valore di mercato di Deutsche Bank è crollato al di sotto di 15 miliardi di euro, in calo di ben 35 miliardi rispetto a un anno fa.  Ma l'investitore su larga scala, lo sceicco HBJ e suo cugino - l'ex emiro del Qatar, lo sceicco Hamad bin Khalifa al-Thani, non si sono dati per vinti e incoraggiati dal basso valore delle azioni hanno deciso l'acquisto di una partecipazione del 25% assieme ad altri investitori arabi che come loro non temono il rischio.