A poche ore dalla chiusura delle urne gli exit poll rilasciati dalla BBC attribuiscono ai conservatori e ai liberali la conquista di 326 seggi, sufficienti a Cameron per essere riconfermato Premier. Seppur ancora in attesa dei dati ufficiali sull'affluenza nazionale alle urne, la maggioranza assoluta alla Camera dei Comuni andrebbe ai conservatori di David Cameron che hanno ottenuto 316 seggi, insieme ai libdem di Nick Clegg che di seggi ne ha ottenuto 10.

Libdem però in netto calo nei risultati perché in confronto al parlamento uscente avrebbero perso ben 46 seggi, mentre a sorpresa gli indipendentisti scozzesi di Nicola Sturgeon ottengono ben 58 seggi.

Un vero record. Anche se il numero dei seggi ottenuti da Cameron non gli permetterebbe di ottenere la maggioranza assoluta, si tratta di un risultato ben al di sopra le attese in quanto supera ampiamente il tetto dei 300 seggi che rappresentano la soglia sopra la quale il Premier uscente può ottenere un accordo di coalizione.

Prima delle elezioni molti sondaggi indicavano i due principali partiti della Gran Bretagna, quello Conservatore dell'attuale Premier Cameron e quello Laburista di Ed Miliband, che ha ottenuto 239 seggi, staccati di un solo punto. A seguire, l'Ukip di Nigel Farage e i verdi conquistano 2 seggi a testa, mentre 4 vanno al Partito Indipendentista Gallese.

Lunghe code e proteste davanti ai seggi

A pochi minuti dalla chiusura dei seggi si sono registrate lunghe code; Nella città di Norwich, a quanto riferisce il " Guardian " on line, per votare alcuni cittadini hanno dovuto attendere oltre un'ora.

I migliori video del giorno

Di fronte al palazzo di Westminster, nella zona allestita per permettere ai media di tutto il mondo di seguire le elezioni, decine di poliziotti sono dovuti intervenire per fermare un blitz di manifestanti che, indossando maschere di Anonymous, cercavano di sfondare i cordoni di protezione.

Il sistema elettorale britannico

In Gran Bretagna possono votare tutti i cittadini maggiorenni e in possesso dei diritti politici. Il paese è diviso in 650 collegi ognuno dei quali elegge il candidato che ha ottenuto più voti. I deputati della Camera dei Comuni, che votano la fiducia al governo, sono eletti con il sistema maggioritario uninominale: ogni partito candida un proprio rappresentante in ogni collegio. In pratica, ogni cittadino può scegliere se votare il candidato presentato da ogni partito nel suo collegio; indipendentemente dalla percentuale dei voti per ogni seggio vince il candidato più votato.