La circolare del Miur sulle gite scolastiche, inviata agli inizi dello scorso mese di febbraio, aveva fatto discutere docenti e presidi sull'aggravio di responsabilità a loro carico; l'amministrazione centrale, qualche giorno fa, ha compiuto un sostanziale dietrofront su quanto contenuto nella circolare ma i dubbi restano.

Genova, incontro 'Gite scolastiche - Cosa cambia'

A questo proposito, come viene riportato dal quotidiano 'Repubblica', cinquanta dirigenti scolastici degli istituti genovesi, unitamente a rappresentanti di Aci e Polizia Stradale, hanno organizzato un incontro denominato 'Gite scolastiche - Cosa Cambia', attraverso il quale si vuole fare il punto della situazione sulle nuove linee guida.

La direttrice dell'Automobile Club Genova, Susanna Marotta, ci tiene a precisare che gli insegnanti non sono certamente tenuti a diventare degli sceriffi, anche perchè molte delle indicazioni arrivate dal Miur vengono già seguite da diversi istituti. Nonostante si sia riscontrata una corsa al ribasso, in merito alle offerte proposte dalle società di trasporti, si sta facendo attenzione alle condizioni dei mezzi, non soltanto per quanto riguarda le gite scolastiche ma anche per il servizio scuolabus.

Insegnanti non sono sceriffi, usare soprattutto il buon senso

Esiste già un vademecum (dal 2012) inerente al comportamento che si deve adottare in questo campo e questo incontro, previsto per domani, lunedì 21 marzo, presso la sede dell'Aci, servirà per aggiornare il testo, in base alle nuove direttive.

I migliori video del giorno

La parola d'ordine sarà 'buon senso'. La preside del liceo d'Oria, Maria Aurelia Viotti, ha spiegato che le scuole stanno già prestando molta attenzione al rapporto qualità prezzo: nel suo istituto, i docenti stanno continuando ad accompagnare i loro studenti, nonostante la circolare del Miur, anche se, per ragioni dovute agli attacchi terroristici compiuti in Europa negli ultimi mesi, le gite sono limitate al territorio italiano.

Alessandro Cavanna, preside del liceo 'Pertini' ha sottolineato come la Scuola non sia un'agenzia viaggi: la scelta finale, in merito alle gita, resta affidata al singolo istituto. 'Le indicazioni fornite dal Miur sono da considerarsi come indicazioni di massima'.