Gli abilitati con il II ciclo del TFA subiscono l'ennesima beffa da parte del Miur per questo anno scolastico 2015/16. Già precedentemente esclusi dal piano di assunzioni straordinarioprevisto dalla riforma Scuola, adesso devono pure subire una discriminazione nelle graduatorie per le supplenze, quando avevano diritto alla precedenza. Il percorso abilitante che si è concluso pochi mesi fa, garantiva la precedenza per le chiamate temporanee di supplenza, ma dato che il Miur non ha inviato nessuna comunicazione ufficiale, in molte scuole questa regola non viene rispettata. Quindi nonostante il bando del Miur garantisse la precedenza e nonostante il tempo, le fatiche e il denaro impiegati per poterla ottenere, gli abilitati col secondo ciclo del TFA si ritrovano nuovamente esclusi.

Abilitati TFA II ciclo ignorati dalle scuole

Il Fatto Quotidiano riporta la denuncia di uno dei responsabili del coordinamento TFA, Fabio Bertero, che ha spiegato come le segreterie delle scuole stanno convocando i supplenti, 'ignorando il DM n. 326 del 2015 e assegnando incarichi a docenti non abilitati' pur dovendo dare la precedenza a quelli abilitati. È già stato richiesto un intervento immediato al Miur per porre rimedio a questa situazione attraverso una comunicazione ufficiale a tutte le scuole. Alla domanda posta proprio da IlFattoQuotidiano.it, il Ministero ha risposto affermando che la riforma della Buona scuola ha causato delle sovrapposizioni che non hanno permesso di risolvere la situazione, ma che si sta tentando di risolvere in tempi rapidi.

Il rischio maggiore è che nel frattempo le supplenze vengano conferitenon tendendo conto della normativa vigente a favore degli abilitati con TFA II ciclo e che l'intervento del Miur arrivi tardi. Per questo motivo alcuni docenti hanno deciso di inviare una lettera alle segreterie delle scuole comunicando sia il possesso del titolo abilitante e il diritto di precedenza assoluta nella convocazione per la supplenza scolastica.

Resta aggiornato sul mondo della scuolacliccando il tasto Segui in alto.

Segui la pagina Scuola
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!