Sembra destinata ad accendere le discussioni la modalità di reperimento delle risorse scelta dall'esecutivo per poter avviare l'operazione di salvaguardia dei lavoratori esodati e delle lavoratrici che intendono andare in quiescenza con l'opzione donna. La legge di stabilità 2016 prevede infatti di tararele coperture dei provvedimenti sullo stop parziale alle rivalutazioni dei pensionati Inps fino all'anno 2018. Nella pratica, sopra i duemila euro si applicherà alle rendite un taglio percentuale agli adeguamenti relativi le perequazioni perla crescita delcosto della vita, sulla misura del dato calcolato annualmente dall'Istat.

Saranno fatte salve invece le Pensioni più basse, che continueranno a beneficiare degli aggiornamenti, visto che l'esecutivo ha deciso di applicare un criterio di gradualità studiato per cercare di favorire coloro che non percepiscono redditi elevati. Nella pratica, la misura appare come una prosecuzione della clausola di perequazione già prevista con la legge 147/2013 (ovvero con la manovra del 2014).

Riforma pensioni e tagli 2016 - 2018: ecco come funzionerà lo stop alle rivalutazioni Istat

Stante la situazione, vediamo insieme il dettaglio di come funzionerà il meccanismo di taglioalle rivalutazioni deciso dall'esecutivo.

Partiamo da un puntofisso: la perequazioneè destinata a funzionarein modo graduale e il suo taglio graduale è applicabilesu chi percepisce pensioni superiori a quattro volte la cosiddetta rendita sociale. Pertanto con la nuova normativa si avrà che:

  • con moltiplicatore tra quattro e cinque,la rivalutazione sarà del 75% (-15% rispetto a quanto previsto inizialmente);
  • con moltiplicatore tra cinque e sei l'adeguamento corrisponderà al 50% (-25% nei confronti del dato precedente);
  • infine, con moltiplicatore superiore, la rivalutazione sarà del 45% (registrando in questo caso un -30% in confronto al dato pregresso).

Se la misura dovesse effettivamente andare in porto, resterà in vigore almeno fino al 2018, pertanto nei prossimi tre anni i pensionati rischiano di dover far fronte al potenziale aumento dell'inflazione.

Una possibilitàche potrebbe andaread intaccare il potere d'acquisto di una vasta fascia della popolazione e che si aggiunge agli altri stop già subiti negli anni precedenti.

Come da nostra abitudine, restiamo a disposizione qualora desideriate condividere con gli altri lettoriun nuovo commento in relazione alle informazioni che vi abbiamo riportato. Se invece desiderate restare aggiornati su tutte le prossime notizie riguardanti il tema delle pensioni vi ricordiamo la possibilità di fruire della comoda funzionalità "segui", che trovate in alto.

Segui la pagina Pensioni
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!