Sembra destinata a far discutere ancora a lungo la proposta di riforma delle Pensioni firmata dal Presidente dell'Inps Tito Boeri su ultra 55enni e prepensionamenti, un pacchetto di misure posto all'attenzione del Governo e del Parlamento proprio mentre presso il Senato della Repubblica si entra nel vivo della discussione politica riguardante la legge di stabilità 2016. "Ci siamo soffermati solo sulla proposta della flessibilità in uscita, una sorta di variante del disegno di legge già presentato nella scorsa legislatura da alcuni deputati del Pd.

Quello che ci colpisce è la somiglianza delle soluzioni". A sottolinearlo è il Presidente della Commissione lavoro alla Camera Cesare Damiano, che prendendo atto della vicenda esprime la propria perplessità sui precedenti rilievi giunti dall'istituto. "A questo punto non si capisce perché la nostra proposta sarebbe irrealizzabile per eccesso di costi" commenta l'esponente della minoranza Dem.

Pensioni e legge di stabilità 2016: lavoratori precoci chiedono l'avvio dell'uscita con 41 anni di età

Nel frattempo proseguono anche le rivendicazioni relative al diritto di pensionamento con 41 anni di età dei lavoratori precoci.

Dai gruppi di discussione nei social network emerge una larga insoddisfazione per l'impossibilità di accedere alla quiescenza nonostante decenni di versamenti alle proprie spalle. Un presupposto che va a sommarsi alle tante situazioni di disagio dovute alla riforma di legge del 2011 e alla mancanza di lavoro determinatasi con la crisi economica. Lasituazione è stata per altro già evidenziata dalla minoranza Dem, anche sel'esecutivo ha rimandato ogni possibile intervento al 2016, quando ha promesso di portare avanti un nuovo meccanismo strutturale di accesso flessibile ai pensionamenti.

Ma per i soggetti coinvolti l'attuale presa di posizione della politica resta inaccettabile perché il traguardo sembra scivolare sempre più avanti di mese in mese, mentre i requisiti di pensionamento continuano ad allungarsi a causa degli adeguamenti per lasperanza di vita.

Come da nostra prassi, restiamo disponibili a pubblicare i vostri commenti sul sito qualora desideriate esprimere la vostra opinione in merito alle vicende che abbiamo ripreso nel nostro articolo.

Mentre qualora desideriate ricevere tutte le ultime notizie in tema di pensioni vi suggeriamo di cliccare il comodo tasto "segui" che vedete in alto, vicino al titolo dell'articolo.

Segui la nostra pagina Facebook!