L'accordo politico fra Miur e sindacati sulla mobilità 2016/17 e gli ambiti territoriali è arrivato, anche se ancora manca la vera e propria firma del contratto. Dopo aver discusso tanto su un no secco a chiamata diretta da parte del dirigente scolastico, agli ambiti territoriali e alla differenza iniqua di trattamento fra docenti delle varie categorie, alla fine i sindacati hanno ceduto. Tutti tranne la Gilda degli Insegnanti, che come preannunciato qualche giorno fa, non ha accettato il compromesso. La notizia, come riporta il sito La Tecnica della Scuola, è arrivata alle 22 di ieri sera 25 gennaio, a conclusione dell'incontro previsto.

I sindacati che hanno detto sì al Miur sono: Cisl, Uil, Snals e Flc Cgil. Il contratto dovrebbe essere firmato nei prossimi giorni.

Il Miur e la sua apertura sulla mobilità 2016/17

Anche il Miur ha ceduto in parte su alcuni aspetti della mobilità 2016/17, sullabase dellerichieste sindacali. È stata accettata la richiesta della sequenza contrattuale che stabilisca dei criteri ben definiti sulla chiamata diretta dei docenti all'interno degli ambiti. Un altro punto per i sindacati è stato evitare gli ambiti a tutti gli assunti entro l'anno scolastico 2014/15 che intendono spostarsi nella stessa provincia. Ma chiamata diretta e ambiti resteranno, per cui quasi tutti gli assunti dell'ultimo anno mobilità non avranno mai una titolarità di sede.

A rimetterci sono pure i docenti che decideranno di cambiare provincia. Insomma, un incontro a metà strada per evitare un atto unilaterale che forse avrebbe comportato anche la perdita di quelle poche concessioni che l'Amministrazione è stata disposta a fare. Ma a pagare, ancora una volta, saranno i docenti. Quelli che lavorano a centinaia di chilometri da casa, i cosiddetti “deportati” del piano straordinario di assunzioni di Renzi.

Quelli che erano in servizio già da prima lontano da casa e speravano nella mobilità. A tirare un sospiro di sollievo sono solo gli assunti prima della riforma della Buona Scuola. Guarda caso... Intanto, dai sindacati, ancora silenzio.

Resta aggiornato sulla mobilità, cliccando il tasto Segui.

Segui la pagina Scuola
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!