La sentenza 364/2016 del Consiglio di Stato ha stabilito che gli abilitati con TFA, PAS e in Scienze della formazione primaria non hanno diritto ad essere inclusi nelle GaE. Il ricorso era stato promosso dagli Avv. Cundari Francesco e Cundari Giuseppe. Secondo il CdS, il Miur ha ragione a stabilirne l'esclusione. Per quanto riguarda la questione di chi è in possesso di diploma magistrale conseguito entro l'anno scolastico 2001/2002, la decisione è rimandata alla Plenaria. La sentenza è stata accolta con grande amarezza dagli interessati, che hanno investito tempo e denaro per ottenere prima l'abilitazione, e poi quella che loro considerano giustizia.

Per il momentola strada del concorsoresta l'unica per riuscire ad ottenere l'immissione in ruolo. Ma forse non è tutto perduto, almeno secondo Anief.

Possono ancora entrare in GaE gli abilitati con TFA, PAS e SFP?

In un'intervista a Orizzonte Scuola, Marcello Pacifico prova a tranquillizzare i docenti abilitati con TFA, PAS e in Scienze della formazione primaria che stanno ricorrendo con Anief, puntando sul fatto che la strategia del sindacato è diversa da quella che ha visto dire il no del Consiglio di Stato.

Pacifico spiega che l’Anief ha posto specifiche questioni che sono al vaglio della magistratura, come lanatura della fascia aggiuntiva, la parità di trattamento e il principio di affidamento. Mal che vada si ricorrerà in Europa, assicura. Commentando il diverso trattamento per i diplomati magistrale 2001/2002, rimandati in Adunanza Plenaria del Consiglio di Stato, Pacifico spiega che vi sono diverse sentenze precedenti del Consiglio di Stato favorevoli a questi docenti, per cui ci si aspetta una forma di coerenza dall’adunanza plenaria, composta in parte dalle stesse persone che in qualità di relatori hanno firmato passate sentenze.

Anief rassicura circa il fatto che continuerà a sostenere i docenti che lo Stato ha abilitato per insegnare. Ciò non toglie che la sentenza ha rappresentato un duro colpo per gli abilitati.Resta aggiornato sulla scuola cliccando il tasto Segui.

Segui la pagina Scuola
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!