L'Inps è tornata sulla questione dei contributi prescritti ex Inpdap. Dopo il passaggio all'Inps del fondo dei dipendenti pubblici ex Inpdap, infatti, molti contributi previdenziali erano andati persi. E ciò nonostante con la Circolare 169/2017 l'ente previdenziale abbia prorogato di un anno il termine prescrizionale. Con tale circolare, quindi, i dipendenti pubblici che a seguito di estratto conto previdenziale avevano accertato la presenza di un vuoto contributivo avevano e hanno ancora tempo fino al 31 dicembre 2018 per contattare l'Inps e far sì, quindi, che la carenza venga sanata.

D'altra parte, la Circolare succitata non faceva completamente chiarezza su cosa sarebbe accaduto ai contributi previdenziali non accreditati e non richiesti dagli assicurati dopo la data del 31 dicembre 2018. Si ipotizzava semplicemente che questi andassero completamente persi. Ora l'Inps ha provveduto a chiarire la situazione

I chiarimenti dell'Inps

L'Ente previdenziale con proprio messaggio datato 13 agosto 2018 ha chiarito che, nonostante i contributi previdenziali siano legalmente caduti in prescrizione potranno essere accreditati al lavoratore anche dopo la data del 1 gennaio 2019.

La data del 31 dicembre 2018, ed è questo uno dei cambiamenti importanti di cui tenere conto, rimane valida come termine ultimo per la Pubblica Amministrazione datrice di lavoro per poter legittimamente regolarizzare i versamenti mancanti. Altro aspetto importante, di cui dovrà farsi carico comunque la Pubblica Amministrazione datrice di lavoro, è dato dal fatto che quest'ultima dovrà provvedere al trattamento di quiescenza relativamente ai periodi di lavoro per cui è intervenuta la prescrizione dei contributi.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Pensioni Pubblica Amministrazione

Di conseguenza, anche se i contributi sono prescritti l'intervento da parte della Pubblica Amministrazione impedirà che il lavoratore subisca un deterioramento dell'assegno pensionistico. In pratica, la Pubblica Amministrazione datrice di lavoro verserà nuovamente i contributi mancanti.

Cosa possono fare i lavoratori

Dato che i contributi prescritti non andranno persi neanche dopo il 1 gennaio 2019, i lavoratori interessati possono inviare la relativa segnalazione o contattando il call center Inps al numero verde 803.164.

Oppure segnalare l'anomalia via internet attraverso il servizio richieste di variazione alla posizione assicurativa RVPA. Nel caso venga accertato che i contributi sono prescritti, l'Inps segnalerà l'anomalia alla Pubblica Amministrazione interessata che provvederà ad eseguire nuovamente il versamento dei contributi mancanti.

Esiste, comunuque, un'eccezione a questa procedura. Ci si riferisce ai dipendenti pubblici iscritti alla Cassa Pensioni Insegnanti.

Questa Cassa raccoglie i contributi degli insegnanti delle scuole paritarie e di quelli delle scuole dell'infanzia comunali. Per questi dipendenti il datore di lavoro ha una mera facoltà e non un obbligo al versamento dei contributi mancanti. Quindi, nel caso non dovesse provvedere toccherà al lavoratore stesso effettuare i versamenti integrativi dei contributi assenti.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto