In questo 2019 che si avvia alla conclusione sono stati davvero tanti i concorsi banditi dalla Pubblica Amministrazione. Posti di lavoro disponibili per giovani e meno giovani pronti a cimentarsi in diverse prove pur di riuscire a trovare un'occupazione. È lecito attendersi un numero alto di domande di partecipazione anche per il concorso del Ministero del Lavoro-Inail che mette a disposizione 1514 posti. C'è ancora qualche giorno per poter inviare la propria candidatura, ma non bisogna perdere troppo tempo.

La scadenza è fissata per l'11 ottobre

I posti sono suddivisi tra Ministero del Lavoro, Inl e Inail. Per quanto riguarda il Ministero, saranno assunti 691 ispettori di Area III-F1, di cui 64 tra il personale interno di ruolo. Ci saranno 131 nuovi funzionari per quanto riguarda l'area amministrativa giuridico-contenziosa nell'Ispettorato nazionale del lavoro (13 riservati al personale interno), 57 funzionari per il Ministero del lavoro e delle politiche sociali (6 per il personale interno) e ben 635 funzionari amministrativi di area C che saranno assunti dall'Inail, anche se 127 posti sono riservati al personale interno di ruolo.

Per verificare i requisiti di partecipazione, che oltre a quelli generali per i Concorsi Pubblici variano in base alla figura ricercata, sarà bene leggere con grande attenzione il bando di corso. Come detto ormai il tempo per poter inviare la domanda di partecipazione a questa selezione sta per scadere. Potrà essere presentata infatti entro e non oltre le ore 23.59 del prossimo 11 ottobre, esclusivamente tramite la piattaforma on line Step One disponibile sul sito "ripam.cloud".

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Offerte Di Lavoro Concorsi Pubblici

Le prove da superare

Come sempre, per riuscire a conquistare l'agognato posto di lavoro i candidati dovranno superare più prove. La prima sarà una preselettiva che consisterà in sessanta domande a risposta multipla alle quali bisognerà rispondere nell'arco di sessanta minuti. Quaranta dei sessanta quesiti serviranno per verificare le capacità logico-deduttive, logico-matematiche e critico-verbali del candidato, le rimanenti venti invece saranno incentrate su materie come diritto costituzionale, diritto amministrativo, diritto del lavoro e legislazione sociale, disciplina del lavoro pubblico.

Solamente chi riuscirà a superare questo primo step concorsuale potrà accedere alla prova scritta, consistente in sessanta domande a risposta multipla sulle materia che sono indicate nel bando di concorso. I più bravi, quelli che supereranno anche questa prova, accederanno all'orale, dove verrà approfondita pure la conoscenza della lingua inglese e di elementi di informatica.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto