Mentre si è giunti alla consueta sosta per le partite delle nazionali, è consuetudine in questo periodo fare un punto della situazione riguardante lo sviluppo del nostro calcio, sport che da decenni appassiona milioni di italiani, tanto da generare forti dissapori che a volte possono sfociare in vere e proprie risse.

Uno dei principali motivi di tali discussioni è il ruolo che riveste la Juventus nel nostro sistema calcio: la "Vecchia signora" o la si ama o la si odia, questo è fuori di dubbio.

Pubblicità
Pubblicità

Elencare i punti di vista di juventini e antijuventini risulta essere piuttosto banale in questo momento. Tuttavia ci sono delle domande da porsi: e se la Juve traesse forza proprio dalla profonda antipatia che si prova verso di lei? Probabilmente continua a vincere anche perché è continuamente stimolata a farlo? Ha realmente senso offendere la squadra che in questo momento risulta essere un modello di gestione e di business a livello nazionale?

Pubblicità

La Juventus, infatti, è stata la prima società italiana ad aver costruito uno stadio di proprietà, ed i ricavi generati sono sotto gli occhi di tutti. È la squadra che da anni costituisce l'ossatura centrale della Nazionale, e che vince perché ha una struttura societaria ben definita, nella quale ogni dirigente svolge al meglio il proprio lavoro, cosa che non si può dire di altre contendenti. Inoltre è l'unica squadra al mondo che appartiene alla stessa famiglia da oltre 90 anni.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Juventus Serie A

Vari dirigenti e allenatori di altre compagini spesso danno la colpa dei loro insuccessi alla superiore potenza economica della squadra bianconera, come se questa "forza" fosse stata sorteggiata a sorte, e la Juventus ne avesse beneficiato di riflesso.

Se qualcuno se lo fosse scordato, 10 anni fa la Juve è andata in Serie B, ha avuto un danno economico ingente, e dopo vari anni bui è riuscita a rialzarsi senza l'aiuto di nessuno, creando un modello dal quale dovrebbero prendere spunto gli avversari, invece di denigrare.

Ma l'italia è il paese degli invidiosi verso chi riesce a spuntarla sugli altri, e forse questo è il nostro principale problema, che va anche oltre l'aspetto sportivo.

Una soluzione ci sarebbe: passare dall'invidia all'imitazione. Chi ce la farà?

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto