C'è una questione molto Schick da risolvere in casa Sampdoria. C'è da cambiare una moda molto genovese. Un vizio che rimane lo stesso da anni. Formazioni sbagliate, scelte discutibili, conseguenti sconfitte e mugugni dei tifosi. Senza andare troppo indietro con gli anni si va da Delio Rossi al generale Mihajlovic. Naturalmente l'Uomo Ragno Zenga così come Montella. E ora Marco Giampaolo. Un Maestro per Massimo Ferrero, un professorino per altri.

Pubblicità
Pubblicità

E fermiamoci qui. Di sicuro quando questo allenatore tocca il suo undici non ottiene il massimo dei voti, anzi rischia di finire dietro la lavagna con le grandi orecchie da asino. E dalla gita di Verona torna a casa con un'insufficienza e tanti compiti da risolvere. La prima questione rimane la difesa. Se Silvestre ha la testa altrove, è poco sereno e vuole andarsene e preferisce la nebbia al mare la società ha fatto bene a metterlo da parte.

Pubblicità

Ma la stessa società dovrebbe domandarsi che fine ha fatto Krajnc? Preso dal Cagliari al fotofinish dopo la folle decisione di mandare via Leandro Castan, a Verona chi gioca? Angelo Palombo. Contro il capitano non ho nulla (qualcun altro sì) ma l'anzianità e il rispetto per un professionista a volte non paga. Forse sarebbe stato meglio metterlo in mezzo al campo a recuperare palloni al posto di Praet e non a cercare di fermare Meggiorini o Pellissier.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Calciomercato

Troppo turnover fa male

Gli altri errori? Tre nomi per capire che questa Samp non può prescindere da un blocco: Pereira, Linetty e Bruno Fernandes. E oggi, finalmente, aggiungerei anche Patrick Schick che ogni qualvolta entra in campo segna. Di solito chiude le gare in bellezza, purtroppo al Bentegodi non ci è riuscito. Adesso la questione è perché, uno così, non possa giocare dall'inizio, magari al posto di Luis Muriel, tornato ad essere un pericoloso fantasma per sé e per la Sampdoria.

Ma anche al posto di Don Fabio Quagliarella stanco di correre chilometri e chilometri per gli altri e poco per sé. E' una questione poco Schick discutere le scelte del proprio allenatore, dire che così non va. Ma Genova e provincia è fatta così e a volte è difficile resistere. A Verona Giampaolo si è suicidato. E d'ora in poi dovrà pensarci bene prima di scrivere l'undici, dovrà avere più coraggio, andare contro Onorevoli e Senatori e farsi il proprio abito su misura da un buon sarto, nessuna 'cinesata' per favore.

Pubblicità

L'impressione è che la coperta sia corta solo a parole, non nei fatti. Ma gennaio è vicino, il mercato riapre e Ferrero è pronto a divertire e divertirsi ancora.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto