casapound non ha mai nascosto le sue radici e la sua dottrina, il movimento si ispira al fascismo anche se ne condanna le leggi razziali. Anche riguardo la forma totalitaria che aveva il regime Casapound non è più d'accordo, ora auspicano uno Stato democratico e repubblicano (ispirandosi più alla Repubblica sociale italiana che al regime). "Sono i centri sociali che andrebbero sciolti, non noi. Vogliamo superare il 3% e semmai lo Ius Soli verrà approvato andremo a stanare i parlamentari alla buvette".

Casapound a Bologna

Il partito della tartaruga frecciata arriva a Bologna, esattamente in via Boldrini, per permettere il comizio elettorale a simone di stefano. Lo spiegamento delle forze dell'ordine è notevole, anche se non imponente, a causa delle continue minacce da parte degli antagonisti dei centri sociali. "Il fascismo è una dottrina che non deve essere per forza una dittatura o uno Stato totalitario.

Non vogliamo sopprimere la democrazia, ci piace che tutti possano esprimersi e votare in libertà. Lo Stato che vogliamo si realizza a pieno nella Costituzione e nella democrazia" dice Di Stefano, che continua "Se i parlamentari traditori voteranno lo Ius Soli voleranno sedie e li andremo a cercare alla buvette". Fuori dalla struttura che ospita il congresso blindati della polizia e agenti antisommossa pronti a respingere eventuali attacchi dei militanti antifascisti.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Elezioni Politiche

Lo scorso Venerdì, sempre per un comizio di Casapound, la polizia ha dovuto fronteggiare con gli idranti e cariche i collettivi autonomi dei centri sociali, "Quattro scappati di casa scemi e figli di papà che in realtà ci fanno solo pubblicità" li definisce il segretario di Cpi. "La città è blindata perché esistono queste persone violente, anonime, che con atti criminosi tentano di impedire il libero svolgimento della campagna elettorale degli altri partiti. La responsabilità è di chi tiene in vita queste organizzazioni criminose che piuttosto andrebbero sciolte".

Obiettivo 3%

In sala, in insieme al coordinatore regionale Pierpaolo Mora, sostiene che l'obiettivo per Bologna è di superare il 3%. Di Stefano parla anche della delibera comunale che vieta spazi pubblici a chi non rispetta la Costituzione: "Se fossimo stati fuori legge ci avrebbero già sciolto tanti anni fa. Anzi dire che dobbiamo rinnegare il fascismo è anticostituzionale. Il comune può chiederci di rispettare le leggi ma non obbligarci a firmare una dichiarazione di principi" dichiara Di Stefano.

La Cgil, da parte sua, condanna l'attività elettorale di Cpi a Bologna: "Uno sfregio, ancora una volta, alla Bologna antifascista".

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto