Il leader dei Cinquestelle lancia un appello al Partito Democratico per la realizzazione di un programma comune di governo. Di Maio scrive una lettera al Corriere della Sera ed elenca quali sono i temi principali di accordo tra il suo movimento e l'ex nemico politico, Pd. Gli argomenti sono diversi secondo Di Maio, si parte dal lavoro, si passa dalle tasse per poi arrivare al tema dell'immigrazione: in comune, dice il grillino, hanno la volontà di rivedere il trattato di Dublino e la conseguente ripartizione dei flussi migratori in modo equo tra i Paesi europei.

Pubblicità
Pubblicità

Il contratto con il PD

Il leader grillino parla di un contratto da sottoscrivere con il PD e non di un'alleanza. Questo documento dovrebbe servire, secondo Di Maio, a mettere nero su bianco le opportune azioni al fine di migliorare la qualità di vita dei cittadini. Partendo dal lavoro, il punto in comune potrebbe essere il salario minimo calcolato su base oraria, obiettivo anche del Partito Democratico, spiega Di Maio.

Pubblicità

Sulle tasse i punti del programma sono diversi, ma il leader pentastellato è sicuro che una intesa si possa trovare. Per il capitolo sanità, secondo Luigi Di Maio, il punto in comune è la riduzione delle lunghe liste d'attesa. Sul tema giustizia anche qui gli obiettivi principali sembrano coincidere: "Entrambi desideriamo semplificare i tempi d'attesa dei processi grazie all'applicazione del rito lavorativo e investendo nella digitalizzazione, anche in ambito penale".

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
M5S Pd

Sia il Pd che il Movimento 5Stelle sembra vadano d'accordo anche sull'interdizione perpetua dagli uffici pubblici per i condannati in modo definitivo, insieme a una riforma sostanziale dei tempi di prescrizione dei reati. Di Maio vede un accordo anche sulla realizzazione di una legge ad hoc in merito al conflitto d'interessi che, dice, l'Italia aspetta da tanti anni.

Lotta agli sprechi, punto in comune

Il cavallo di battaglia del Movimento di Beppe Grillo è da sempre stato la lotta agli sprechi, tema su cui il leader grillino sembra intravedere una convergenza con il Partito Democratico.

"Il programma elettorale del PD prevede il calcolo dei vitalizi grazie al metodo contributivo", afferma Di Maio che dichiara di voler perseguire tutti questi obiettivi congiuntamente. Il movimento 5 stelle, sostiene il loro capo politico, è nato per fare gli interessi degli italiani e metterli al primo posto; superando le ideologie e le logiche di potere d'altri tempi.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto