Una recente risoluzione non legislativa approvata dal Parlamento europeo potrebbe portare alla messa al bando di partiti e movimenti che si rifanno al fascismo e al nazionalsocialismo. Più specificatamente e come riportato in un articolo pubblicato sul sito web dell'ANSA, tale risoluzione è passata con ben 355 voti favorevoli e con essa gli eurodeputati invitano le autorità degli Stati membri al divieto delle formazioni di matrice neofascista e neonazista.

La risoluzione: 'Porre fine alle collusioni di forze dell'ordine e partiti con l'estremismo di destra'

Nella risoluzione approvata dal Parlamento europeo si chiede la fine delle collusioni che interesserebbero alcune formazioni di estrema destra e le forze dell'ordine, nonché alcuni politici e partiti. Andando maggiormente nei dettagli, nella già citata risoluzione si chiede anche la fine della 'tolleranza' e dell'impunità che vi sarebbe per i neofascisti in alcuni Stati membri dell'Unione Europea.

Oltre a ciò, vengono citati episodi di violenza che hanno visto come protagonisti movimenti e partiti neofascisti e singoli individui legati all'estremismo di ultradestra.

La relativa crescita del neofascismo e del neonazismo nell'UE

Da diverso tempo alcuni ricercatori ed analisti sostengono che nell'Unione Europea vi sia una forte ascesa di movimenti e partiti legati al radicalismo di destra, anche di impronta neofascista e neonazista.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Politica

Su ciò, bisogna dire che effettivamente c'è stato un considerevole aumento delle sigle di tale area e allo stesso tempo bisogna pur dire che si tratta di un fenomeno comunque assai minoritario.

Difatti, a seguito dell'attuale crisi economica e finanziaria che sta interessando l'Ue è diventato molto forte il 'populismo neonazionalista' e il sovranismo di destra e ciò a discapito della destra liberale/liberista e della sinistra socialdemocratica e radicale.

Su tale tematica, c'è da ricordare che tale ascesa al potere del 'nazionalpopulismo' e del 'sovranismo identitario' non ha a che vedere con il neofascismo, anche se è pur vero che certi movimenti e partiti di quell'area vedano con forte interesse il fenomeno e/o lo sostengano criticamente.

Detto questo, risulta ovviamente da non sottovalutare la stessa relativa avanzata dei movimenti e dei partiti estremisti di destra che si rifanno ai dettami del Ventennio fascista e del Terzo Reich.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto