Laura Boldrini, ospite di Barbara Palombelli a Stasera Italia, critica duramente il decreto sicurezza appena approvato dal Senato, offre la sua ricetta per combattere l’immigrazione clandestina e si scaglia con violenza contro Matteo Salvini, colpevole a suo giudizio di additarla sempre come responsabile dei crimini commessi dagli immigrati. All’ex presidente della Camera non va proprio giù l’hashtag risorse boldriniane, anche se ormai è stato coniato da diverso tempo.

Pubblicità
Pubblicità

Secondo la Boldrini l’unico modo per fronteggiare l’emergenza immigrazione è, dunque, quello di fare una mega sanatoria che permetta di mettere in regola gli irregolari.

L’intervista della Boldrini a Stasera Italia

Ospite di Barbara Palombelli nella puntata di Stasera Italia andta in onda mercoledì 7 novembre, Laura Boldrini viene interpellata dalla conduttrice sul problema dei rimpatri degli immigrati irregolari.

Pubblicità

“Questo lo possono anche fare - risponde la parlamentare di Liberi e Uguali - ma non esiste un Paese al mondo che riprende una persona che non ha documenti e dunque che presumibilmente non si sa di che Paese è. Io posso pretendere di essere statunitense, giapponese, canadese, ma se le autorità consolari non mi riconoscono di quel Paese io non vado da nessuna parte. Nessuna compagnia aerea mi consentirebbe di andare a bordo senza un documento”.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Matteo Salvini

‘Difficile rimpatriare, ci vogliono quote legali di immigrazione’

“Quindi non potremo mai rimpatriarli”, chiosa la Palombelli. “A Salvini questa cosa gliela dissi in campagna elettorale - riprende il filo del discorso la Boldrini - Si fece l’unico confronto televisivo in cui io dissi ‘se lei riuscirà a portare a casa 600mila irregolari io vengo con lei’. Perché questo è difficile da farsi, ci vogliono gli accordi bilaterali con gli Stati di provenienza che si fanno ad alcune condizioni.

Non è che Salvini ordina e gli Stati sono lì a fare la fila per fare quello che dice lui. Allora, la condizione quale è? Quote legali di immigrazione. Se tu ad un Paese gli dici ‘io quest’anno prenderò tot numero di migranti regolari, così abbattiamo l’irregolarità, quel Paese ti collabora poi per identificare i suoi e rimandarli a casa”.

‘Sanatoria unico modo per regolarizzare’

“Qunidi lei ci sta dicendo che queste persone non hanno una patria, un documento e nessuno le riprenderà mai?”, la incalza la moglie di Francesco Rutelli.

Pubblicità

“La gran parte di queste persone, che sono irregolari, non hanno i documenti - la stoppa allora Laura Boldrini - E se non hanno i documenti non sono riconoscibili come cittadini di un certo Paese. Dunque, dove li rimandi? Costruiamo un’isola in mezzo al mare? I precedenti governi Berlusconi fecero due sanatorie. L’unico modo per regolarizzare è quello e Salvini lo dovrebbe sapere perché con la legge Bossi-Fini si fece la più grande sanatoria di irregolari nel nostro Paese.

Pubblicità

Qunidi Salvini ha venduto fumo agli italiani, li ha ingannati e adesso distrae l’attenzione facendo degli spot”, come andare a San Lorenzo dopo l’omicidio di Desirée Mariottini, “dove fa un po’ di cinema”.

Laura Boldrini: ‘Ho sempre a cuore il benessere degli italiani’

La Palombelli le mostra allora un breve filmato in cui una ragazza di origini marocchine, ma da 25 anni in Italia le chiede di pensare prima agli italiani e agli immigrati regolari. “Come se io non mi occupassi degli italiani e dei regolari - sbotta la Boldrini - Se vogliamo seguire le bufale è un conto, ma se vogliamo fare un altro discorso non dobbiamo partire dal presupposto che io non mi occupo degli italiani. Io ho sempre a cuore il benessere dei miei concittadini”. Infine, il pensiero torna al nemico Matteo Salvini: “Ogni volta che una persona migrante commetteva un crimine lui faceva l’hashtag risorse boldriniane. Questa è una cosa criminale da parte del ministro dell’Interno ed è una associazione del mio nome con la criminalità che non c’entra niente”.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto