Donald Trump ha ufficialmente aperto una crisi diplomatica con Londra dopo le rivelazioni apparse sul Daily Mail, che ha pubblicato documenti imbarazzanti e giudizi impietosi sull'inquilino della Casa Bianca da parte dell'ambasciatore britannico negli Stati Uniti Kim Darroch. "Non conosco l'ambasciatore ma non tratteremo più con lui", ha dichiarato il Tycoon.

La crisi diplomatica tra USA e Regno Unito

Il caso è esploso e, come quando c'è di mezzo Donald Trump, difficilmente la polemica si spegne.

È vero che i giudizi espressi sul presidente americano dall'ambasciatore inglese a Washington sono particolarmente sprezzanti e sgradevoli: "Inetto, incompetente, insicuro, vanesio, i suoi discorsi sono pieni di bugie, la Casa Bianca è piena di faide" si legge nelle mail inviate negli ultimi due anni dal diplomatico al governo di Londra. Ma la reazione di Trump è stata durissima: "Non avremo più rapporti con l'amministratore britannico", scrive su Twitter.

"Almeno la buona notizia è che presto il Regno Unito avrà un nuovo Premier. Theresa May ed i suoi hanno fatto un disastro con la Brexit". Parole che suonano come una vendetta, dopo che il primo ministro inglese, pur lamentando la gravissima divulgazione di comunicazioni che dovevano rimanere riservate, aveva espresso piena fiducia al proprio diplomatico. Una sorta di ricatto del Presidente Donald Trump nei confronti di Londra che chiede la cacciata del diplomatico altrimenti i rapporti saranno severamente compromessi.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Politica

Un caso difficile da risolvere perché, di fatto, l'ambasciatore ha svolto il suo lavoro, ma ciò rischia di compromettere le relazioni tra i due paesi e l'eventualità che il Regno Unito, soprattutto nell'imminenza dell'uscita dall'Unione Europea, non può permettersi. Restano, infatti, da stabilire, i rapporti commerciali fra le due sponde dell'Atlantico, una volta che il divorzio da Bruxelles verrà formalizzato.

La preoccupazione di Londra

C'è in realtà preoccupazione a Londra, dopo la recente fuga di notizie puramente riservate. Il ministro degli esteri Jeremy Hunt ha promesso il pugno duro con i responsabili della diffusione di queste notizie confidenziali dell'ambasciatore Kim Darroch sul Presidente degli Stati Uniti Donald Trump. Quali saranno le possibili conseguenze di questa gaffe in una relazione davvero speciale che ha sempre legato Washington a Londra, rinsaldata con la recente visita del Presidente nel Regno Unito lo scorso giugno, non è ancora possibile sapere.

Una posizione che, il governo inglese sa bene, potrebbe pesare molto una volta formalizzato il divorzio da Bruxelles.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto