Giorgia Meloni e Lilli Gruber rappresentano due persone che, nella loro professionalità, si caratterizzano per avere personalità forti. Può accadere perciò che nell'ambito di un'intervista tra la giornalista e la leader di Fratelli d'Italia si registrino fasi in cui entrambe provino a far valere le proprie ragioni in maniera vibrante. E' accaduto nell'ultima puntata di Otto e mezzo, ormai storica trasmissione di La 7, in cui le due hanno fatto registrare passaggi in cui, seppur in maniera educata e mai fuori dai binari, non se le sono mandate a dire.

Lo scontro ha riguardato quello che sarebbe l'atteggiamento dell'Europa nei confronti delle manovre finanziarie italiane a seconda del governo che c'è in sella e i presunti rapporti con Francia e Germania.

Meloni ricorda il trattamento dell'Ue al governo Lega-M5s

Si è entrati nel periodo in cui dovrà essere varata la prossima manovra finanziaria. Giorgia Meloni non sembra accettare il fatto che adesso da ci sarebe comprensione nei confronti dell'esecutivo, a fronte della linea dura verso l'esecutivo sostenuto da Lega e Movimento Cinque Stelle di cui lei è stata comunque oppositrice.

"L'Unione Europea - evidenzia la leader di Fratelli d'Italia - costrinse il governo gialloverde a passare al 2,4, poi addirittura arrivò all'1,4%":"L'ha detto lei, non puoi - evidenzia la Gruber - fare deficit per fare le tue marchette elettorali"

"Adesso - evidenzia Giorgia Meloni - parte da un Nadef del 2,2% con delle coperture surreali e voglio vedere cosa dirà l'Unione Europea. Dirà che gli va bene perché quando ha un governo che fa gli interessi di Francia e Germania e lascia passare perché gli tornerà quella cambiale, quando ha un governo che potrebbe non restituire la cambiale non lo fanno fare.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Matteo Salvini

Si chiama ricatto, non Unione Europea".

A quel punto arriva il richiamo di Lilli Gruber:"Onorevole Meloni, sta dicendo sciocchezze": "Siccome - replica la Meloni - ho detto una cosa precisa, lei mi risponda nel merito. Non si permetta di dire che dico delle sciocchezze, per cortesia. Sono una persona abituata ad argomentare".

"Direi - risponde ancora la Gruber - che i Paesi dell'Europa fanno gli interessi della Francia e della Germania è una sciocchezza".

Gruber chiosa invitando ad andare avanti

A quel punto Giorgia Meloni ricorda come al governo Renzi fu concesso un deficit al 2,5% . "Erano - evidenzia la giornalista - diversi tutti i parametri, la crescita era all'1,7%"

Nel momento in cui il clima sembra surriscaldato, Lilli Gruber prova raffreddarlo:."Senta, io non mi metto mica qui a litigare con lei".

"Se non vuole litigare con me - tuona la Meloni - non deve dire che dico sciocchezze, altrimenti deve argomentare nel merito.

Sono stufa di questo atteggiamento". Tornando all'epoca Renzi e al debito concesso ricorda:"I parametri erano tutti peggiori".

"Va bene, allora - chiosa Lilli Gruber - andiamo avanti con un altro tema".

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto