C'era molta attesa attorno all'intervista che Carola Rackete, la comandante della nave Sea Watch, avrebbe rilasciato a Fabio Fazio nella trasmissione "Che tempo che fa" su Rai 2, dopo le mille polemiche politiche che la sua presenza aveva innescato nei giorni scorsi. E appunto nella serata di questa domenica 24 novembre, essa è andata in onda, fra le attese di detrattori e ammiratori.

Carola sulla continuazione della crisi migratoria

Carola Rackete ha esordito dicendo: "Sono contenta di essere di nuovo in Italia, ho seguito quello che è successo anche dopo che l'attenzione dei media è scomparsa su di me.

La tensione nel Mediterraneo però continua e ci sono persone che attraversano il mare per essere salvate. La nostra nave è ancora bloccata qui, nonostante il tribunale l'abbia rilasciata. Ci sono persone che ogni giorno lottano e cercano di scappare dalla Libia, ma quando poi arrivano qui la loro vita non è facile. Io voglio dire che sono qui per sollevare questa cosa. Sono consapevole che la lotta di queste persone e il rischio di morte c'è anche quanto l'attenzione mediatica si abbassa. Ringrazio la società civile italiana che sta dalla nostra parte e che lavora nei progetti per aiutare le persone bisognose".

Rackete: 'L'Europa non può rifiutarsi di accettare un po' di persone'

La comandante della Sea Watch ha poi detto: "Come cittadina europea sono cresciuta con la fiducia nei governi, ho avuto anche esperienze positive nel 2016, ma adesso la situazione è cambiata tantissimo. Quando fai una richiesta in base alle leggi marittime internazionali e invii informazioni alle autorità spesso non ricevi risposta o ne ricevi una negativa, spesso rifiutano di attenersi al diritto internazionale. La guarda costiera libica va in violazione della Convenzione di Ginevra.

Davvero te la sei persa?
Clicca il bottone sotto per rimanere aggiornato sulle news che non puoi perdere, non appena succedono.
Politica

Ricevere certe istruzioni è scioccante, perché abbiamo esseri umani a bordo. Alcune persone hanno la fortuna, come me, di avere passaporto tedesco e di potersi spostare ovunque, altri invece no e ciò è poco umano. L'Europa da continente in pace spesso dice di non poter accettare un po' di persone, questo mi sciocca e mi fa male come cittadina europea".

L'appello della Rackete sul cambiamento del clima collegato alla povertà e all'immigrazione

La Rackete si è poi ha soffermata sullo stretto collegamento fra cambiamento del clima e immigrazione: "La crisi climatica mi preoccupa, serve il coinvolgimento di tutti per il cambiamento.

Una relazione ONU si concentra su povertà e clima. Lì si dice che la crisi climatica porterà l'aumento della povertà nel mondo, perché chi vive in molti paesi africani verrà impattato. Le persone già povere e senza sicurezza sociale vedranno diminuire la loro possibilità di sopravvivere: le loro speranze verranno distrutte dalle nazioni industrializzate. Ma a quel punto queste persone dovranno andarsene dai loro Paesi, nonostante magari preferirebbero rimanere. A quel punto dovremo chiederci come possiamo riceverli, perché saremo stati noi ad averli forzati ad andarsene.

La responsabilità di proteggerli è nostra (...) Siamo arrivati a un punto critico, dobbiamo ridurre l'utilizzo delle risorse e consumare meno, occorre una migliore redistribuzione delle risorse limitate del pianeta. Dobbiamo chiederci come condividere le cose in modo che tutti abbiano a sufficienza: questa è la domanda fondamentale".

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto